Pubblicato il

Le persone disoneste hanno successo sul lavoro?

Ignorare le regole porta successo professionale?

Persone disoneste
iStock

Le persone disoneste sono tra di noi; questo è un dato. Però come viene percepita la disonestà in un ambito molto importante come quello del lavoro? I corrotti, i disonesti, tanto per usare categorie generali, hanno successo oppure no? Come si collega al tema della considerazione professionale?

LEGGI ANCHE. RADIOSVEGLIE PER NON FARE TARDI AL LAVORO

Persone disoneste: che tipo di lavoratori sono?

Secondo un articolo del Daily Mail, le persone disoneste e immorali sono viste come incapaci sul lavoro. Lo certifica un nuovo studio sul tema.

Questo giudizio avrebbe a che fare con l’idea di competenza che ci facciamo delle persone. Chi imbroglia, o ruba, è visto come qualcuno non in grado di raggiungere lo stesso risultato se non ingannando o infrangendo alcune regole.

I ricercatori dell’Università di Toronto confermano l’ipotesi. Chi è disonesto è considerato poco intelligente e capace anche sul lavoro.

La ricerca è stata condotta su 1,500 partecipanti.

Secondo lo studio i disonesti sarebbero visti come scarsamente privi di ‘intelligenza sociale’. Proprio quell’incapacità di partecipare a un ambiente di lavoro sano e competitivo e per questo cercare di deformarlo.

Nella scala di capacità, gli individui disonesti hanno raggiunto i punteggi più bassi agli occhi degli altri.

Insomma la disonestà sarebbe anche un fattore molto poco produttivo e favorevole in ambito professionale. Una caratteristica dell’agire che impoverirebbe l’ambiente di lavoro e la cosiddetta ‘intelligenza sociale’.

Il tema è anche di grande attualità, visto i recenti scandali dei cosiddetti ‘furbetti del cartellino’. Anche qui quindi un segnale di risposta sbagliata a un’incapacità di gestire e rispettare delle regole. Non proprio una caratteristica che ci si augura di veder attribuita a un membro del proprio team. Ecco quindi che l’aspetto personale, incide anche sul lavoro professionale andando a rovinare i rapporti umani e professionali. Meglio non giocare con temi come questi. E essere un po’ più onesti, tanto per cominciare.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag

Articoli correlati