Pubblicato il

Gli obesi non sempre possono volare, ecco perché

Thai non fa viaggiare i passeggeri affetti da obesità: scopriamo il motivo

I passeggeri obesi non possono allacciare le cinture
©iStockphoto

Tempi duri per gli obesi che intendono viaggiare in prima classe con la Thai Airways. La compagnia di bandiera thailandese vieta loro di volare in business class sui nuovi aerei. I passeggeri obesi e i genitori che viaggiano con bambini sono stati rispediti in classe economica. Perché le nuove cinture di sicurezza non si adattavano ai loro girovita. Il divieto ai bambini e alle persone in sovrappeso di volare in business class è arrivato dopo l’aggiunta di due nuovi jet Dreamliner alla flotta. La compagnia aerea ha detto che non vanno superati i 142 centimetri di girovita.  A causa dei nuovi airbag delle cinture di sicurezza. La cintura non può estendersi per l’attivazione della funzione airbag introdotta per proteggere i passeggeri.

Passeggeri obesi: le difficoltà

E i passeggeri che non possono allacciarsi le cintura infrangono gli standard di sicurezza. La nuova funzione significa anche che i genitori che intendono portare in grembo i bambini piccoli non possono sedersi sul nuovo sedile del velivolo Boeing 787-9. Thai Airways non è la prima compagnia aerea a fare questo passo con restrizioni di peso sui propri clienti. La finlandese Finnair ha addirittura iniziato a pesare i propri passeggeri prima dell’imbarco sull’aereo. Dopo aver effettuato un sondaggio su 2000 persone disposte a pesarsi. In modo da ottenere una stima più accurata per ottimizzare i costi operativi.

Secondo l’Agenzia europea per la sicurezza aerea il peso medio di un passeggero femminile è 64 kg e per un maschio è di 84 kg. La compagnia aerea australiana low cost Jetstar ha iniziato a far pagare ai genitori un extra da $ 30 a $ 50 per portare i propri bambini sulle ginocchia.

Concordi o meno, va da se che affrontare il problema come l’obesità è utile anche per chi viaggia in aereo. Rappresenta uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale. La sua prevalenza è in costante aumento come sono, di conseguenza, in aumento le malattie ad essa collegate. Come il diabete mellito di tipo 2, le malattie cardiovascolari e i tumori. Si stima, infatti, che il 44% dei casi di diabete tipo 2, il 23% dei casi di cardiopatia ischemica e fino al 41% di alcuni tumori sono attribuibili all’obesità/sovrappeso. Ecco perché rappresentano il quinto più importante fattore di rischio per mortalità globale. Con i decessi attribuibili all’obesità che sono arrivati ad essere quasi 3 milioni all’anno nel mondo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie ViaggiTag