Pubblicato il

Unghie rotte? 3 rimedi per un pronto intervento

Niente panico, al fine di trovare soluzioni rapide ed efficaci basta armarsi di pazienza e degli attrezzi del mestiere

unghie rotte
courtesy-of©VladimirFLoyd/iStock

Non c’è manicure che tenga: quando l’imprevisto insorge, anche l’impossibile diventa possibile. Uno dei più grandi incidenti di bellezza con cui misurarsi è la rottura di un’unghia. Ecco che, dopo tanta fatica e pazienza, il sogno di avere delle mani belle e in ordine sfuma. Non è però detta l’ultima parola. Stando a quanto riporta Cosmopolitan, infatti, in caso di unghie rotte è possibile ricorrere al fai da te.

Unghie rotte, i rimedi fai da te

Cosa serve al fine di portare a termine quest’operazione non chirurgica? Per riparare un’unghia rotta basta munirsi di un tovagliolo di carta, una lima, una base protettiva trasparente, uno smalto e un top coat. Si inizia tagliando un pezzo di carta assorbente affiché si adatti per forma e dimensione all’unghia che dovrà essere rivestita con una base indurente. Si va ad applicare poi sulla parte rotta esercitando una leggera pressione al fine di farla aderire.

Dopodiché si passa uno strato di indurente e si lascia asciugare. Circa venti minuti dopo si va a limare la carta e si procede con una passata finale di indurente. Una volta che il prodotto si è asciugato, per nascondere la carta, basta coprire l’unghia con lo smalto e, per chiudere il bellezza, si applica il top coat.

Colla per unghie

Un’altra opzione è la colla. In primis bisogna pulire accuratamente la mano, o il piede, con dell’acqua calda e sapone. Una volta che l’unghia rotta è diventata morbida, si applica una goccia di colla con uno stuzzicadenti. Come ultimo step, si passa uno strato di smalto protettivo.

Unghia strappata

Nel peggiore dei casi, può capitare che l’unghia si strappi. Soprattutto quella dei piedi: è un incidente comune quando si cammina a piedi nudi. Niente panico: l’importante è intervenire per tempo. Se la situazione è particolarmente critica è bene rivolgersi a un medico. Là dove, invece, è gestibile, onde evitare ulteriori danneggiamenti si può provvedere da sole a tagliare la parte lacerata così che non continui a rompersi. Qualora l’unghia fosse completamente strappata dal suo letto, bisogna toglierla delicatamente fermando eventuali emorragie. Dopo aver pulito il tutto, si procede con il bendaggio avvalendosi di garze sterili. Ogni giorno bisogna ricordarsi di cambiare la fasciatura disinfettando l’unghia.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag