Pubblicato il

Menopausa, l’ansia indebolisce le ossa

Lo stress è nemico della salute: lo affermano i ricercatori dell’Università di Messina

donna menopausa
Courtesy of©gilaxia/iStock

La menopausa rappresenta una fase delicata per le donne. Il loro corpo, infatti, durante questo periodo è soggetto a diversi cambiamenti. Ciò interessa anche le ossa che iniziano a perdere la loro densità più rapidamente divenendo così più fragili. Ebbene sì, iniziano a disgregarsi perdendo tessuto osseo più velocemente di quanto l’organismo produca nuove cellule ossee. Ciò rappresenta una delle principali cause dell’osteoporosi.

La menopausa indebolisce le ossa

Questo processo è quasi inevitabile ed è prevalentemente di natura genetica. In realtà però, un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Ospedale di Messina ha constatato che i disturbi d’ansia possono accentuare questo meccanismo.

Lo stress, infatti, può portare a condurre uno stile di vita poco salutare facendo proprie malsane abitudini. Come il fumo e una dieta povera di nutrienti. A dichiararlo al MedicalXpress è stato l’autore dello studio, il Dott. Antonio Catalano. Egli afferma inoltre che l’ormone dello stress, il cortisolo, può influire sullo stato dell’osso aumentando il rischio di fratture.

La ricerca

Lui e il suo team hanno condotto uno studio analizzando 200 donne di età media pari a 68 anni. Tutte erano già passate attraverso la menopausa. Uno dei cambiamenti più importanti di questo stato, a cui è soggetta ogni donna superata una certa età, è la riduzione della secrezione di estrogeni, ormoni sessuali femminili. Il loro è un ruolo importante. La loro presenza permette di impedire un procedimento noto come riassorbimento osseo attraverso il quale il tessuto osseo, lentamente, si sfalda e i minerali che lo compongono vengono assorbiti dal sangue.

Il nesso ansia-osteoporosi

Tuttavia i ricercatori hanno scoperto che le donne con livelli relativamente alti di ansia avevano un rischio maggiore del 4% di procurarsi una brutta frattura ossea in un arco di tempo di 10 anni. “I nostri risultati sono abbastanza sorprendenti perché non è era mai stata evidenziata prima un’associazione tra stati d’ansia e la salute delle ossa”- ha affermato il Dott. Catalano.

Inoltre, al fine di preservare la compattezza del tessuto osseo, gli esperti suggeriscono di integrare calcio e magnesio valutando contemporaneamente il livello di vitamina D nel sangue. In alcuni studi è stato poi dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva – a base di integratori di estrogeni o una combinazione di essi e progestinici – è legata a un minor rischio di fratture ossee.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag