Pubblicato il

Cybersecurity, fare attenzione anche d’estate

Si deve sempre essere attenti se si lavora con informazioni sensibili, anche in vacanza: ecco alcuni consigli sulla cybersecurity

Cybersecurity
iStock

L’estate significa ferie e stacco dal lavoro, ma non per tutti. Sono sempre di più infatti i lavoratori che anche vacanza sono costretti a controllare PC e smartphone per lavoro. Ma cosa succede se il relax estivo riduce il livello di attenzione? È infatti proprio in questa stagione che, complice il clima di distensione e svago, documenti, dati sensibili e informazioni riservate sono tenuti meno sotto controllo. Partner Data ha analizzato alcuni tra gli errori più frequenti che si commettono in questa stagione, cercando di dare qualche consiglio utile in tema di cybersecurity.

Cybersecurity, errori da evitare

Il primo consiglio per evitare brutte sorprese è prestare sempre attenzione quando si accede, sia da smartphone che da PC, a reti pubbliche e aperte. L’ideale sarebbe accedervi da dispositivi che non contengono informazioni sensibili e che quindi, se violati, non mettono a rischio nessun dato. Ricordarsi inoltre di non digitare mai password o autenticarsi ad esempio nel sito della propria banca se si è in luoghi troppo affollati o su aerei e treni. Il rischio è quello di non conoscere chi si ha di fianco e che qualcuno riesca a sbirciare il nostro PC e memorizzare le credenziali.

Importante, inoltre, non lasciare mai incustoditi i dispositivi elettronici. Nemmeno in albergo. Se contengono dati particolarmente importanti è opportuno utilizzare la cassaforte che quasi sempre gli hotel predispongono in ogni stanza. Perché rischiare quando è possibile mettere al sicuro i propri apparecchi, elettronici e non?

Cybersecurity, avere sempre un backup

Se si deve lavorare in vacanza, ritagliarsi del tempo per riuscire a concentrarsi meglio. Evitando così di commettere errori come aprire mail contenenti virus o pagine web sospette. Spesso in estate capita che, quando il capo e i dipendenti vanno in vacanza, l’azienda chiuda completamente. Ma il rischio per un luogo chiuso e non sorvegliato non è solo quello di essere obiettivo di ladri interessati a monitor o stampanti. A rischio sono anche i documenti e le informazioni contenute nei server. Per evitare di perdere dati e credenziali, è sempre importante avere tutto il materiale anche su un supporto esterno. Da tenere comunque in un altro luogo lontano dal posto di lavoro.

A volte, per quanto si possa prestare attenzione, c’è comunque il rischio che qualcuno violi i nostri dispositivi. Il consiglio che rimane utile per tutti i mesi dell’anno è quello affidare la propria sicurezza informatica ad aziende specializzate. Proteggendo così non solo i propri dati personali, ma anche l’azienda e tutte le realtà che da essa dipendono.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag