Pubblicato il

Consigli per chi sotto l’albero ha trovato un cucciolo

Le regole d’oro per accogliere un nuovo pet in famiglia

cucciolo
istockphotos

Cane o gatto che sia, se il Natale vi ha portato un cucciolo è necessario iniziare da subito a gestire adeguatamente il nuovo membro della famiglia. È importante accudirlo nel giusto modo e risolvere le situazioni più problematiche che possono sorgere nelle prime settimane per iniziare la nuova, bellissima convivenza con il piede giusto. I cuccioli hanno necessità speciali, e, esattamente come i bambini, devono imparare ancora tante cose. Sergio Bottino, Coordinatore servizi extra-veterinari di Ca’ Zampa, gruppo cliniche veterinarie integrate, fornisce alcuni consigli per accogliere il cucciolo in famiglia nel migliore dei modi.

È importante verificare la provenienza dell’animale, che deve avere almeno 60 giorni di età. Deve avere microchip applicato – obbligatorio nel cane e facoltativo (ancora per poco) nel gatto. Un certificato di buona salute e le vaccinazioni preventive effettuato da un veterinario. Se si tratta di un trovatello dovrete fargli fare tutti i controlli del caso, naturalmente (ndr).

Regole base per gestire un cucciolo appena arrivato

Occorre prevedere degli spazi in casa per accogliere il nuovo arrivato. Cuccia, ciotola dell’acqua e una per il cibo non devono mancare. Inoltre al cane servirà anche un guinzaglio ed un collare per le passeggiate. Assieme una museruola, per completare il corredo di base necessario. Nel caso dei gatti è occorre pensare alle lettiere, cuccette e posti di osservazione. Ma anche tiragraffi ben posizionati. Procuratevi dei giochi per intrattenere il pet, ma anche alcuni premi per facilitare la dentizione. Evitate prodotti in plastica che si possono rompere e creare lesioni alla bocca.

20,93€
21,37
disponibile
2 nuovo da 20,93€
7 usato da 18,67€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 15 Gennaio 2019 10:11

La cuccia va messa in una zona facilmente accessibile. Il cucciolo deve essere invitato ad entrare, e quindi coccolato e lodato. Per favorire l’ambientamento, si può dare uno snack da rosicchiare. Se si lamenta quando rimane solo, è importante ignorarlo e rivolgergli attenzioni solo quando si calma. Capirà così che lamentarsi non sortisce effetto e svilupperà nel tempo una corretta individualità.

Per quanto riguarda il cibo, si può scegliere tra diversi tipi. Industriale, secco o umido, oppure cibo casalingo ed organizzarsi per somministrarlo, al cucciolo, 3 volte al giorno. Il consiglio è di acquistare prodotti completi specifici per il cucciolo, di buona qualità. Per una dieta casalinga bisogna rivolgersi ad un esperto in nutrizione, per essere sicuri che la dieta sia bilanciata.

Un cucciolo di cane nelle prime settimane dovrà uscire almeno 5 o 6 volte al giorno. In questo modo gli sarà garantito il giusto movimento e la possibilità di sporcare al di fuori dell’appartamento. Per abituarlo a fare i bisogni fuori è importante nutrirlo ad orari regolari. Normalmente subito dopo il pasto il cucciolo ha necessità di sporcare. È importante saper cogliere anche i segnali di irrequietezza (particolarmente agitato, si muove a scatti, annusa insistentemente a terra, dimostra inquietudine generale) per capire quando sta per scappare la pipì e precederlo portandolo subito fuori. Crescendo allungherà anche i periodi di attesa tra una uscita e l’altra e imparerà a trattenere i bisogni fino a che si troverà nei luoghi preposti.

Guarda tutti i giochi per gatto su Consigli.it

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag