Pubblicato il

Leonardo da Vinci: sulle tracce del grande genio

Tutto su Leonardo da Vinci

Leonardo
Ufficio Stampa Press Play

In occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci è possibile partire per un itinerario alla scoperta delle sue opere. Grazie a Virail, la piattaforma ed app che compara tutti i mezzi di trasporto si può, infatti, entrare a stretto contatto con l’artista. Si parte così da Anchiano, dove nacque Leonardo. Si arriva poi a Roma per il “San Girolamo Penitente”. Con questa app è impossibile dimenticare i capolavori come “La Scapigliata” custodita a Parma e l’Uomo Vitruviano a Venezia.

ANCHIANO – Casa natale di Leonardo

Anchiano punto di partenza

Ad Anchiano, località alle pendici del Montalbano, l’artista trascorse infanzia e giovinezza. Prima tappa, dunque, la Casa in cui nacque il 15 aprile 1452. All’interno della casa una mostra racconta la vita e i rapporti dell’artista con la sua terra. Subito dopo a Vinci si può visitare la Chiesa di Santa Croce dove l’artista è stato battezzato. Sempre a Vinci il Museo Leonardiano conserva i suoi studi sul corpo umano. Infine alla Biblioteca Leonardiana si possono ammirare le riproduzioni in facsimile di manoscritti, disegni e opere stampate.

MILANO – Vigna di Leonardo

Nella culla del Rinascimento

Nel 2019 Firenze celebra Leonardo con il ritorno del Codice Leicester. Agli uffizi i 72 fogli del Codice (1504-1508) possono essere sfogliati grazie ad un innovativo sussidio multimediale. Sempre alla Galleria degli Uffizi sono presenti tre opere giovanili dell’artista. Si tratta del Battesimo di Cristo (1470-1475 circa), dell’Annunciazione (1472) e dell’Adorazione dei Magi (1481). Il Museo Leonardo da Vinci offre poi un percorso che si snoda tra le macchine costruite seguendo i disegni dell’artista. Per i più curiosi, da mettere in conto una visita a Palazzo Vecchio. Sembrerebbe infatti che dietro le pareti del Salone dei Cinquecento siano nascosti i disegni originali della Battaglia di Anghiari.

PARMA – “La Scapigliata”

Il Cenacolo di Leonardo

Nel 1482 l’artista giunse a Milano, lasciando tracce indelebili come l’Ultima Cena nel Refettorio di Santa Maria delle Grazie. La Veneranda Biblioteca Ambrosiana dal 1637 custodisce invece il Codice Atlantico. Al Castello sforzesco la Sala delle Asse è stata decorata dall’artista nel 1498, mentre al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci si trovano imodelli leonardeschi. Per scoprire un’altra passione dell’artista ci si deve recare alla Vigna. Donata a Da Vinci da Ludovico il Moro la vigna di Leonardo è situata sul retro della Casa degli Atellani.

Le Macchine di Leonardo

Venezia, Parma e Roma

Per vedere il disegno originale de L’Uomo Vitruviano bisogna poi arrivare a Venezia. Il disegno originale a penna e inchiostro su carta è conservato nel Gabinetto dei Disegni e delle Stampe. Proseguendo la ricerca delle opere di Leonardo in Italia, bisogna recarsi alla Galleria nazionale di Parma. Nella Galleria è esposta “La testa di fanciulla” (detta La Scapigliata), un dipinto a terra ombra, ambra inverdita e biacca su tavola. Anche la Capitale dedica al Genio leonardesco il Museo Leonardo da Vinci situato presso la Basilica di Santa Maria del Popolo. Infine la Pinacoteca Vaticana, accoglie il San Girolamo penitente. Si tratta di un opera rimasta incompiuta datata agli ultimi anni del primo soggiorno fiorentino di Leonardo (1480).

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag