Pubblicato il

Termostato smart per risparmiare e aiutare l’ambiente

Oltre l’80% degli italiani afferma che l’acquisto di un termostato smart aiuta a risparmiare e a salvare l’ambiente

termostato smart
iStock

Il concetto di smart home, ossia una casa intelligente in grado di prendersi cura attivamente di sé e delle persone che la abitano, è noto anche ai consumatori italiani. Cominciano ad apprezzare sempre di più le funzionalità e i vantaggi offerti da questi prodotti. Prediligono la possibilità di controllare la propria casa anche a distanza (74%), il design (38%) e la possibilità concreta di risparmiare denaro (37%). Come, per esempio, nel caso del termostato smart.

LEGGI ANCHE Cambiamento climatico e neonati, potrebbe influenzare il loro sesso

Termostato smart, strumento di risparmio

Una ricerca commissionata da Nest, azienda leader nel settore della domotica intelligente e parte di Google, ha indagato quali siano le opinioni degli italiani circa l’utilizzo dei dispositivi basati sulle tecnologie IoT. Con un focus sul controllo e la gestione di un aspetto tanto importante nell’ambiente domestico come il riscaldamento. Accanto ai ben più noti grandi elettrodomestici connessi esistono dispositivi meno appariscenti. La cui utilità, però, è altrettanto fondamentale. Uno fra tutti, il termostato.

Di grande importanza per i consumatori si dimostra essere soprattutto il risparmio energetico. In un paese dove oltre il 90% degli abitanti è preoccupato circa l’aumento del costo dell’energia, e dove un abitante su tre è convinto che i costi di riscaldamento pesino per oltre il 60% del totale della bolletta energetica, trova terreno fertile la diffusione di dispositivi che permettono un concreto risparmio.

Termostato smart, la risposta ai problemi del riscaldamento

Gli impianti di riscaldamento tradizionali installati nella maggior parte delle case degli italiani sembrano aver fatto il loro tempo. Non rispondono più alle esigenze di chi abita in casa. Per il 25% degli intervistati, uno dei principali problemi è che non si sa mai quale sia l’esatta temperatura in casa. Per il 18% riscaldano troppo o al contrario non abbastanza. Oltre all’eccessivo costo della bolletta (33%), ciò che più infastidisce gli italiani (più di 1 su 3) dei termostati tradizionali è la difficoltà di programmazione. Che porterebbe a una cattiva gestione della temperatura in casa e a una conseguente oscillazione fra climi tropicali e temperature glaciali.

Termostato smart, una mano all’ambiente

Ecco perché 4 italiani su 5 (80,7%) affermano che l’acquisto di un termostato smart possa aiutare a risparmiare. Di grande importanza sembra essere anche la tematica ambientale. L’82,4% dei rispondenti sostiene che l’uso di termostati smart possa avere un effetto positivo sulla sostenibilità ambientale in Italia.

In merito alla comodità della domotica, il 30% afferma che uno degli aspetti più positivi dei dispositivi connessi è il controllo da remoto. La possibilità di programmare, accendere o spegnere il riscaldamento a distanza. Tra le altre caratteristiche più apprezzate c’è la facilità di utilizzo (16,6%). Ma anche la possibilità di avere accesso ai dati di consumo energetico (14%) e il controllo vocale (8%).

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag