Pubblicato il

Disoccupati, chi perde il lavoro rischia il sovrappeso

La disoccupazione aumenta il rischio di depressione oltre a causare un aumento di peso: come trasformare i problemi in opportunità

licenziamento improvviso
Courtesy of©katleho Seisa/iStock

Perdere il lavoro non piace a nessuno. Secondo il National Bureau of Economic Research, infatti, un licenziamento improvviso viene vissuto da molte persone come un vero e proprio trauma. Spesso, infatti, comporta disturbi a livello psicofisico. A quanto pare 6 persone su 10 tendono a prendere peso, perdono la motivazione e presentano sintomi depressivi. Ebbene sì, avere un posto fisso è un punto fermo nella propria vita, una fonte di sicurezza e stabilità e, qualora dovesse venire meno, mette fortemente in crisi.

Licenziamento improvviso, come reagire

Come bisogna comportarsi dunque per non lasciarsi sopraffare dagli eventi? In primis è bene mostrare la massima lucidità. Come? Accettando la realtà dei fatti ed esternando le proprie emozioni. Mai piangersi addosso, bisogna imparare a trasformare un problema in un’opportunità. Al bando la negatività. Un  licenziamento improvviso può così divenire un pretesto per cambiare vita e rimettersi in gioco. Al fine di migliorare la propria autostima si può fare un piccolo esercizio. Prendendo carta e penna si mettono nero su bianco le proprie competenze. Questo semplice gesto aiuterà a credere di più in se stessi.

Lezioni di autostima. Come imparare a stare bene con se stessi e con gli altri
Lezioni di autostima. Come imparare a stare bene con se stessi e con gli altri
Prezzo: EUR 8,25
Stai risparmiando: EUR 2,75!


Perdere il lavoro è spesso un trauma

La perdita di un lavoro può essere improvvisa e arrivare come un fulmine a ciel sereno, o annunciata in largo anticipo, come accaduto a un professionista con cui ho lavorato e che ha ricevuto la notizia del licenziamento un anno prima. Pur sapendolo, ha continuato a lavorare senza crearsi un’alternativa e soltanto un mese prima dal licenziamento effettivo ha cominciato a svegliarsi dal torpore e realizzare il tempo sprecato. Il trauma del licenziamento è talmente forte che potrebbe attivare meccanismi di negazione, impossibilità di accettare la realtà delle cose, unita alla perdita di speranza e al pensiero di essere stati vittima di un’ingiustizia o di una grande sfortuna” – ha dichiarato Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia.

Il licenziamento può divenire un’opportunità di crescita

Vedere il licenziamento come un’opportunità di crescita professionale e di rivalsa personale è fondamentale per non rimanere in uno stato di intorpidimento. Nella curva del cambiamento, la realtà delle cose quasi mai coincide con i tempi necessari a un essere umano per elaborare perdita e cambiamento e trovare la forza di equipaggiarsi per gestire la situazione. Eppure la velocità dei tempi di reazione fa la differenza in termini di resilienza o non resilienza, per poter creare una nuova opportunità per il futuro. Il mio consiglio è quello di non fossilizzarsi sugli errori commessi ma affrontarli come un’opportunità di vita e crescita personale” – ha poi aggiunto la Osnaghi.

Radiosveglie, le migliori per non fare più tardi al lavoro

In caso di forte malessere, non bisogna avere paura di chiedere aiuto. Rivolgersi a un professionista permette di riprendere in mano le redini della propria vita.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag