Pubblicato il

Camper, ecco come averlo trasformando un van

Camper
©Yescapa

Salire a bordo, mettere in moto, partire per un lungo viaggio. E svegliarsi ogni giorno di fronte a un panorama diverso. L’idea di spostarsi in camper o in van ha accarezzato almeno una volta la mente di ogni viaggiatore. I più creativi o curiosi, magari, hanno anche fantasticato sul creare in autonomia la propria casa su ruote. Partendo da un comune mezzo di trasporto. Il progetto è un po’ ambizioso. Sicuramente sono necessari tempo e pazienza, ma ciò non significa non sia realizzabile. Per tutti i viaggiatori più intraprendenti Yescapa ha creato un piccolo vademecum per trasformare un furgone in un camper. Otto tappe, dal progetto alla decorazione, per poi partire all’insegna dell’avventura.

Camper dreaming, i consigli per “crearlo”

1. Quando si lavora in ambienti ristretti come un furgone, è importante organizzare e pianificare ogni centimetro prima di iniziare qualsiasi tipo di lavoro. La progettazione permette non solo di studiare la disposizione del mobilio e dei vari impianti, ma anche di ottimizzare al meglio gli spazi, capire cosa è realmente necessario e cosa no. Esistono moltissimi modi per mettere nero su bianco il progetto, dalla classica coppia carta-e-penna al digitale utilizzando programmi di modellazione 3D come SketchUp.

2. Quando il progetto è pronto, arriva il momento di intervenire direttamente sul veicolo. Si tolgono i rivestimenti interni, la lamiera che divide la cabina di guida dal resto del mezzo, si interviene con trattamenti antiruggine e, con un po’ di olio di gomito, si procede con la pulizia generale. In alcuni casi, a seconda del progetto, può essere necessario aprire finestre, lucernari o fori per la ventilazione. In ogni caso, con questo secondo passaggio, il furgone diventa praticamente una tela bianca da cui partire per la trasformazione.

Impianti e isolamento

3. Dalla tela bianca agli aspetti più pratici. Il furgone diventerà presto una piccola casa su ruote e, come tale, avrà bisogno di diversi tipi di impianti: aerazione, elettrico, riscaldamento, idraulico. Progetto alla mano, ciascuno di essi deve essere predisposto prima di passare all’isolamento del mezzo: l’importante è che tutto sia pensato sulla base delle proprie necessità. Soprattutto, si consiglia di affidarsi sempre a professionisti del settore se non si vuole incorrere in spiacevoli incidenti o creare situazioni potenzialmente pericolose. La sicurezza prima di tutto.

4. Una volta svuotato, pulito e arricchito con i primi impianti, il furgone è pronto per fare un altro passo verso la sua nuova vita: va trasformato in un nido. Il veicolo, infatti, non sarà più un semplice mezzo di trasporto, spesso adatto a spostare merci da una parte all’altra, ma diventerà una “casa” per le proprie vacanze. Per evitare spifferi, infiltrazioni e tutto ciò che potrebbe rovinare l’esperienza su ruote, si procede quindi con l’isolamento, che può essere fatto con lana di vetro, pannelli di polistirene o isolanti naturali come il sughero, e alla sigillatura dell’ambiente con guarnizioni o siliconi dove necessario. Ognuno può scegliere il materiale che preferisce, l’importante è lasciare all’esterno il freddo dell’inverno e il caldo dell’estate.

Altri consigli: dal rivestimento agli spazi

5. Quando si viaggia in camper o in van bisogna essere pronti a tutto, in particolar modo agli imprevisti che si possono incontrare lungo il percorso: per questo è fondamentale essere autonomi il più possibile. Non solo batterie, taniche d’acqua, stufette per riscaldarsi e il mobilio necessario, ma, per esempio, si può pensare di aggiungere anche alcuni pannelli solari sul tetto, per avere a disposizione energia in qualunque momento: una soluzione green che viene incontro ai viaggiatori, ma anche all’ambiente.

6. Per rendere il furgone una casa accogliente non basta lavorare sugli impianti e sull’isolamento del mezzo, ma anche sul rivestimento. Le pareti in legno, per esempio, contribuiscono a mantenere la temperatura interna e a rendere più confortevole l’intero ambiente. In alternativa si può optare anche per altri materiali, sulla base delle proprie esigenze e dei propri gusti. Questo è il momento dedicato anche alla prima organizzazione dello spazio, con la creazione di ripiani, pensili o scomparti per piccoli elettrodomestici. Tutto pronto per accogliere gli oggetti e le comodità indispensabili durante il viaggio.

Letti e tavolini

7. A seconda del progetto, sarà necessario sistemare un letto o un tavolino, una piccola cucina o qualche posto a sedere. Dipende tutto dallo spazio a disposizione e dalle proprie necessità. L’importante è iniziare ad arredare il van a partire dai pezzi più grandi e continuare in ordine decrescente. Dare la precedenza agli oggetti più ingombranti renderà tutto più semplice ed eviterà di ritrovarsi alla fine con spazio in meno o mal organizzato. Inoltre, riempire il mezzo partendo dagli oggetti più grandi garantirà maggior disponibilità di manovra all’interno.

8. Quando il necessario è salito a bordo e sembra tutto pronto per partire, bisogna ricordarsi che, dopotutto, questa è una piccola abitazione. Anche se su ruote. E come tale deve essere decorata con oggetti che facciano sentire bene e diano la sensazione di casa. Via libera a coperte e cuscini, magari qualche fotografia e una piantina da interni che aiuti a depurare l’aria, ma anche stoviglie, piccole decorazioni come calamite, disegni.. Quando si è in viaggio è importante stare bene nel proprio ambiente, soprattutto se ci si trascorre tanto tempo, sia mentre si macinano chilometri, sia mentre ci si rilassa a bordo strada o in mezzo al verde.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag