Pubblicato il

Grigliata da manuale per un’estate salutare all’insegna del gusto

Il vademecum degli esperti per realizzare una grigliata da manuale, buona, sana e cotta a puntino

grigliata da manuale
Wavebreakmedia-istock

L’estate è la stagione delle giornate in compagnia, delle ore piccole, dei pranzi e delle cene all’aperto. Cosa c’è, dunque, di più piacevole di un bel barbecue con gli amici? Cucinare e mangiare all’aria aperta rende il pasto ancora più piacevole. Ed il cibo cotto sulla griglia è una vera e propria prelibatezza. Oltre ad essere sano e ricco di proprietà benefiche. Lo ha confermato anche il Professor Giorgio Calabrese, medico nutrizionista specializzato in Scienze dell’alimentazione. Interpellato da ManoMano.it, importante e-commerce di giardinaggio e fai da te conosciuto in tutta Europa, l’esperto ha svelato tutti i pregi della cottura alla griglia. Ed ha offerto alcuni preziosi consigli per realizzare una grigliata da manuale. Dalla scelta del barbecue sino ai trucchi per la cottura, la pulizia e la manutenzione.

barbecue gustoso

Una grigliata da manuale comincia con la scelta del barbecue giusto

Essere bravi in cucina è fondamentale per realizzare ottimi piatti. Ma se non si dispone degli strumenti giusti non è possibile ottenere il massimo dei risultati. La cottura alla griglia non fa eccezione. Per preparare carne e verdure dal gusto impeccabile è fondamentale scegliere il barbecue più adatto alle proprie esigenze. Le principali tipologie disponibili in commercio sono quelle a gas, a carbonella ed elettriche. Se si preferisce puntare sul sapore, la scelta più indicata è un barbecue a carbonella. A seconda del tipo di combustibile scelto, conferirà un’aromaticità unica ai cibi cucinati. Bisogna, però, tenere in considerazione il fumo che emette ed il tempo che occorre per prepararlo e far scaldare la griglia. Ed anche le condizioni atmosferiche. In assenza di vento, infatti, sarà più difficile accenderlo.

Per chi preferisce, invece, ottenere una cottura salutare al 100% il barbecue giusto è quello a gas che può essere utilizzato collegandolo ad una bombola o direttamente al rubinetto centrale di gas metano. Garantisce una bassa emissione di ossido di carbonio ed il gas, essendo privo di odore e di sapore, non altera il gusto dei cibi. Con il calore, inoltre, i liquidi di cottura che cadono sulla fiamma evaporano aromatizzando gli alimenti sulla griglia. Chi punta, invece, sulla praticità può andare sul sicuro scegliendo un barbecue elettrico. Basta collegarlo ad una presa di corrente e il gioco è fatto. Non emettendo fumo, inoltre, può essere utilizzato anche in ambienti chiusi. Di contro, però, il sapore dei cibi sarà meno caratteristico rispetto a quello ottenuto con i sistemi a carbonella  e a gas.

Vuoi essere sicuro di avere tutto l’occorrente per ottenere un barbecue perfetto? Scegli su Consigli.it gli accessori indispensabili

L’igiene prima di tutto

Quando si utilizza il barbecue, però, non bisogna mai dimenticare di dedicare la giusta attenzione alla pulizia ed alla manutenzione. Dopo aver cotto il cibo è importante accertarsi di rimuovere alla perfezione i residui rimasti sulla griglia. In caso contrario, con il riuso, i depositi si carbonizzeranno a contatto con i cibi in cottura. Per ottenere un buon risultato conviene pulire la griglia appena ultimata la cottura. Intervenendo quando è ancora calda si eviteranno incrostazioni. Si potrà bagnare la superficie con dell’acqua calda, trattarla con detergenti specifici e strofinare con una spazzola con setole in metallo.

pulizia del barbecue

Come cucinare portate salutari e gustose

Una volta a conoscenza di come trattare il proprio barbecue, per realizzare una grigliata da manuale occorre pensare, naturalmente, al cibo. Quando si andrà a fare la spesa bisognerà tenere conto di quali sono gli alimenti più indicati per la cottura sulla griglia. Per avere un pasto sano e leggero è sempre meglio scegliere della carni magre. Evitando quelle ad elevato contenuto di grassi come le salsicce. Per accompagnare la carne conviene scegliere verdure e ortaggi che ben si sposano con questo metodo di cottura. Prodotti come le zucchine, le melanzane, i peperoni, le patate, la zucca, gli asparagi e i pomodori, ad esempio, si rivelano particolarmente indicati. La cottura alla griglia potenzia le loro proprietà benefiche e migliora l’attività antiossidante rispetto al prodotto crudo.

Scegliendo piatti cotti al barbecue si limita l’assunzione di lipidi perchè sulla griglia i grassi contenuti negli alimenti, anche quelli “nascosti”, si sciolgono lentamente e vengono eliminati. Per ottenere, però, una pietanza in tutto e per tutto salutare conviene sempre rimuovere il grasso in eccesso prima della cottura. Se si dispone di un forno a microonde, inoltre, si può cuocere parzialmente la carne prima di posizionarla sulla griglia. In questo modo si eliminerà una parte dei succhi evitando fiammate. E si ridurranno i tempi di cottura. Nel sistemare la griglia del barbecue, inoltre, bisogna fare in modo che non si trovi a contatto diretto con la fiamma e che rimanga almeno a 10-15 centimetri di distanza.

barbecue perfetto

Attenzione al livello di cottura della carne

Che la cottura alla griglia sia una delle più salutari è cosa conclamata. E’ più leggera perchè non richiede l’aggiunta di condimenti. E’ molto saporita e preserva le proprietà nutritive degli alimenti. Purchè, però, si faccia attenzione al livello di cottura. Per una vera grigliata da manuale la carne non dovrà essere nè troppo cotta nè troppo al sangue. Se si lascia la carne troppo cruda, infatti, non si avrà la certezza di aver debellato tutti i batteri ed eventuali larve di parassiti. Al contrario la carne carbonizzata sviluppa composti come benzopirene e ammine eterocicliche considerati cancerogeni.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag