Pubblicato il

Router in vacanza, 5 motivi per portarlo con sé

Router
Courtesy of Netgear

Quanto è utile un router in vacanza? Certo, restare sempre connessi non è salutare, ma Netgear ha stilato la classifica dei 5 motivi per cui gli amanti dei viaggi in camper, in auto o in moto dovrebbero essere connessi anche lontano da casa.

LEGGI ANCHE WiFi a bordo, connettersi ad alta quota

Router in vacanza: il navigatore

Utilizzare il navigatore senza compromessi: indipendentemente dalla presenza del navigatore integrato, avere a disposizione un router mobile Netgear ti permetterà di consultare le mappe di tutto il mondo o di utilizzare le nuove applicazioni che ti segnalano il traffico, semplicemente attraverso il tuo cellulare. Inserendo lo smartphone nell’alloggiamento predisposto e collegandolo al router Netgear ti permetterà di raggiungere la meta in totale tranquillità. Niente più “Ti dico io dove andare…”.

Navigare in sicurezza

Una volta arrivati alla meta non dovrete più fare la classica domanda “Ma c’è il WiFi?”. Sarete totalmente indipendenti e la vostra navigazione sarà estremamente sicura. I “WiFi pubblici”, presenti nei camping, nelle aree attrezzate o negli hotel sono infatti maggiormente soggetti ad attacchi hacker.

Internet ovunque

Utilizzare internet liberamente in tutto il mondo: basta inserire una microSIM dell’operatore estero del paese in cui si sta andando per poter navigare liberamente con un massimo di 15 dispositivi. Questo ti permetterà di risparmiare sui tuoi dati e di condividere la connessione WiFi.

Giochi online e streaming

Tutti i componenti della famiglia o amici camperisti, motociclisti e automobilisti potranno usufruire della rete WiFi che supporta fino ad un massimo di 15 dispositivi. I più giovani potranno giocare online o caricare le foto più divertenti sui social, mentre i più grandi potranno rimanere aggiornati sul calciomercato o consultare le rubriche online preferite. Il plus di possedere una rete WiFi personale sta anche nella velocità di download. Spesso, i WiFi delle aree comuni sono sovraffollati di utenze e questo non permette di fruire in modo fluido di contenuti multimediali in streaming.

Ricaricare lo smartphone

L’hotspot Netgear è dotato della funzione Jump Boost. Se dopo una giornata spesa a divertirsi tra fotografie di panorami e condivisioni social, lo smartphone si scarica, è possibile collegare il dispositivo al router che, in quel momento, funzionerà come un caricabatteria portatile.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo libero, ViaggiTag