Pubblicato il

Vacation shaming, i Millennials hanno paura ad andare in ferie

6 giovani su 10 vanno nel panico quando devono chiedere le ferie al capo: come ovviare? I consigli della master coach Marina Osnaghi

Vacation shaming
Courtesy of©grinvalds/iStock

L’estate è ormai agli sgoccioli ma, per molti, le vacanze in realtà devono ancora iniziare. C’è infatti chi va controcorrente e preferisce partire quando tutti rientrano. Che sia a settembre o nei mesi a seguire, le vacanze sono sacrosante. A quanto pare però causano anche ansia. Ebbene sì, stando a quanto emerso da un’indagine condotta da Espresso Communication, sono soprattutto i Millennials a risentire della sindrome nota come vacation shaming.

Lo faccio subito o domani? Smettere di procrastinare si può

Vacation shaming, i Millennials hanno paura a chiedere le ferie al capo

A confermarlo sono stati i dati diffusi da una ricerca americana pubblicata su AdWeek. Il 63% dei Millennials, nonché il 76% dei giovani appartenenti alla Generazione Z, provano ansia nel momento in cui devono affrontare l’argomento vacanze con il capo. Il discorso non interessa solo gli Stati Uniti ma anche l’Italia. A risentirne sono soprattutto le donne (64%). Secondo una ricerca condotta dalla National Health Association e pubblicata su Business Journals, il 57% delle donne appartenenti alla Generazione Z, anche se in ferie, ha dichiarato di aver risposto a delle mail di lavoro.

Dove andare quando. La guida per pianificare il viaggio perfetto in ogni mese dell'anno: 1
Dove andare quando. La guida per pianificare il viaggio perfetto in ogni mese dell'anno: 1
Prezzo: Vedi su Amazon.it


Stress, le minacce

Le principali fonti di stress? La scelta del giusto momento per comunicare la richiesta di ferie al capo (34%), la paura di possibili ripercussioni lavorative (27%) e di tensioni con i colleghi (21%). A tutto ciò si aggiungono una serie di ulteriori preoccupazioni legate all’organizzazione last minute del viaggio a causa dei ritardi nell’approvazione del piano ferie (34%), i problemi economici legati al budget (26%) e ancora il pensiero di dover tornare in ufficio alla solita routine (29%).

Andare in ferie fa bene alla salute

Vacation shaming: come fare per arginare questo fenomeno? Secondo Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia, non bisogna mai dimenticare che le ferie sono un diritto a cui nessun lavoratore deve rinunciare. Per godersele con serenità basta capire il giusto periodo in cui assentarsi. Non resta poi che comunicare, in anticipo, a colleghi e superiori le proprie intenzioni. Si evitano così litigi e malumori.

In caso di necessità, non c’è niente di male a lanciare un sos ai propri colleghi: è un gesto che aumenta la fiducia così come il teamworking. Non in ultimo è fondamentale trasformare il senso di colpa in una consapevolezza di necessità. Andare in vacanza fa bene alla salute. E non solo: “La pausa estiva rappresenta una forma di manutenzione obbligatoria da attuare per continuare ad apportare risultati efficaci per l’azienda, nel team e in famiglia” – ha precisato l’esperta.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie PeopleTag