Pubblicato il

Spesa senza plastica, come funziona l’acquisto alla spina

Il primo passo per una spesa sostenibile è munirsi di contenitori prima di entrare nei negozi

Spesa senza plastica
iStock

Fare la spesa senza plastica: c’è un’alternativa agli imballaggi e alle confezioni monouso. Si chiama acquisto sfuso, si fa nei negozi alla spina e prevede l’utilizzo dei propri contenitori, riutilizzabili, per rifornirsi di tutto il necessario.

In realtà la pratica di limitare l’uso di confezioni in plastica è già parte del rito del mercato rionale, dove regna la sportina, ossia la busta in tela per collezionare frutta, verdura e spezie. A volte invece gli acquisti si mettono direttamente nel carrello; con meno uso di carta e pacchetti. Per non parlare dell’era in cui si comprava presso il piccolo commerciante di quartiere. Rigorosamente rifornito con prodotti senza imballaggi.

La vera novità riguarda invece l’utilizzo di questa modalità per prodotti come detersivi, dentifrici, shampoo e cosmetici. Come funziona quindi il commercio alla spina e quanto è diffuso in Italia?

Le realtà italiane

Secondo Federconsumatori (dati del 2014) una famiglia che spende solo ‘alla spina’ risparmia circa 800 euro l’anno. Secondo un’indagine Agrosserva nel 2019 la spesa per i prodotti sfusi agroalimentari si è contratta (-2,5%); e questo nonostante il commercio sfuso abbia alcuni illustri rappresentanti.

In Italia esiste il Negozio Leggero, progetto nato nel 2009 per ridurre i rifiuti alla fonte e presente sul territorio nazionale con 15 punti vendita. Si va nei negozi portando i propri contenitori e così si ottiene un risparmio sul costo del recipiente che non viene caricato sul prezzo finale. Dalle miscele del caffè alle farine ai detersivi passando per la cosmesi, tutto è rigorosamente plastic free.

Visualizza questo post su Instagram

NUOVI MIX FRUTTA Esame in vista? Spuntino dopo palestra? Stanchezza da cambio di stagione? In cerca di una scusa per uno snack zero sensi di colpa? Provate i nuovi mix frutta del Negozio Leggero! Due miscele equilibrate di frutta secca e disidratata, pratiche da sgranocchiare ovunque: mandorle, noci pecan, uvetta, ananas e mango per il Misto Benessere; mandorle, anacardi, uva, banana e ananas per il Misto Energizzante. Naturalmente nutrienti e dolci, ma senza zuccheri aggiunti, sono ideali da sgranocchiare all’occorrenza (all’occorrenza non significa sempre! 😂) – – Examen en préparation ? Collation après le sport ? Fatigue saisonnière ? Besoin d’une excuse pour un snack sans remords ? Essayez les nouveaux mix fruits de Negozio Leggero ! Deux mélanges équilibrés de fruits secs et déshydratés, à grignoter partout : amandes, noix de pécan, raisin sec, ananas et mangue pour le Mélange Bien-être ; amandes, noix de cajou, raisin, banane et ananas pour le Mélange Énergisant. Naturellement sucrés et nutritifs, sans sucres ajoutés, parfaits à grignoter au besoin (cela ne veut pas dire toujours ! 😂). #negozioleggero
#lespeseleggere
#lescoursesenvrac

Un post condiviso da Negozio Leggero (@negozioleggero) in data:

Altri punti vendita

Resto Sfuso è invece un piccolo punto vendita romano che cerca di avvicinare le persone alla consapevolezza dell’importanza di ridurre i rifiuti nella capitale. La filosofia è di cose zero waste e contemporaneamente attenta al gusto e all’agricoltura biologica.

Anche un grande player come Auchan ha reso disponibile il servizio Auchan Self Discount dal 2005. In alcuni punti vendita sono disponibili detersivi alla spina e altri beni di consumo in modalità ricaricabile.

Insomma la strada per sviluppare questa abitudine è ancora lunga, ma si può fare. Rispetto a pochi anni fa, quando la plastica caratterizzava  tanti acquisti quotidiani, abbiamo già fatto numerosi passi in avanti.

 

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie Tempo liberoTag