Pubblicato il

Ogni capo al suo posto: i segreti per tenere in ordine l’armadio

Piegare, arrotolare o appendere? I consigli della professional organizer per avere tutto a portata di mano

donna che ordina l'armadio
Courtesy of©petrenkod/iStock

Quante volte capita di aprire l’armadio e non riuscire a trovare subito ciò che serve? Se questa scena vi è familiare, è arrivato il momento di intervenire. Come? Basta prendersi una giornata per trasformare il caos in equilibrio. Tutto parte dal decluttering, operazione che aiuta a liberarsi del superfluo (ve ne abbiamo parlato in questo articolo). “Bisognerebbe eliminare con regolarità quello che non si usa, stagione dopo stagione, e imparare a comprare meno e meglio. Decidiamo dunque con consapevolezza cosa vogliamo tenere: non si può conservare tutto”, evidenzia Elena Dossi – professional organizer nonché fondatrice del progetto Rinchiudetely.

Come riorganizzare gli spazi: tutto parte dal decluttering

Una volta stabilito cosa regalare, vendere oppure buttare e cosa invece tenere, si può procedere con lo step successivo ovvero la riorganizzazione degli spazi. La domanda che tutti si pongono è la seguente: come fare per avere un armadio perfetto e ordinato? Partiamo da una premessa: “Non esistono metodi universali che funzionano per tutti, dobbiamo osservare gli spazi e ragionare su quello che risulta comodo a noi in base alle nostre esigenze e abitudini”, precisa la Dossi. Bisogna quindi valutare le dimensioni del proprio guardaroba, se grande o piccolo e, tenendo conto delle proprie necessità, agire di conseguenza.

riorganizzare gli spazi, guardaroba

Ciò che conta è avere tutto a portata di mano, soprattutto se si tratta di capi e accessori che si usano quotidianamente, come la biancheria intima o le borse. Più gli abiti sono a vista più sarà facile ricordarli e usarli.

Come organizzare il guardaroba: su Consigli.it vi abbiamo suggerito alcuni organizer utili per fare ordine

Piegare i capi creando categorie e sottocategorie

Fare ordine significa dividere l’armadio per settori, categorie e sottocategorie in maniera tale che, una volta aperte le ante, non ci si ritrovi a fare la caccia al tesoro per recuperare ciò di cui si ha bisogno. Ci si può aiutare, oltre che avvalendosi di cassetti e ripiani, con scatole, organizer e cesti a cui aggiungere magari delle etichette ricordandosi di dare a ogni cosa una collocazione precisa che deve rimanere tale. Ovvero quando si utilizza un capo, deve poi essere rimesso al suo posto senza creare scompiglio. Una volta fatto il punto della situazione e individuato il necessaire si passa poi all’azione. Arriviamo dal dunque: come comportarsi con gli abiti, meglio piegarli, arrotolarli o appenderli?

Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34

riorganizzare gli spazi, intimo

Le t-shirt, ad esempio, si possono tranquillamente piegare. Non si sciupano, a patto che non vengano ammassate nel cassetto. Bisogna quindi dedicargli il giusto spazio. “Suggerisco di piegarle ‘a pacchetto’ per poi riporle in posizione verticale, una accanto all’altra, magari in ordine cromatico”, precisa la consulente. Ci si può aiutare con dei pratici contenitori dividendo il contenuto per tipologia: è bene separare le magliette eleganti da quelle sportive, così come quelle a manica lunga da quelle a manica corta etc.

Si può piegare anche la biancheria intima ricordandosi di abbinare ai reggiseni (mettendo una coppa all’interno dell’altra) gli slip coordinanti. Per quel che concerne i calzini invece, spesso vengono annodati per formare la coppia ed evitare di perderli: sbagliato. “Occupano più spazio, generano disordine e si rovinano. Non è però solo una questione estetica ma anche pratica. Piegarli permette a materiali come lycra e cotone di non rovinarsi”, evidenzia la professional organizer.

13,99€
15,99
disponibile
1 nuovo da 13,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34
9,99€
10,99
disponibile
1 nuovo da 9,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34

Cosa arrotolare: sì ai calzini no ai capi delicati

I calzini, in realtà, si possono sì piegare ma anche arrotolare. Così come i jeans e la biancheria da casa (pigiami e vestaglie) e ancora i capi di abbigliamento sportivo. “Per quel che concerne le mise per fare attività fisica, suggerisco di organizzarle per categorie oppure di preparare degli outfit settimanali abbinando dunque al pantalone il suo reggiseno, la canotta e arrotolare il tutto, insieme”, consiglia l’esperta. Arrotolare i capi è utile anche perché permette ai bambini che stanno imparando a vestirsi da soli di trovare tutto facilmente evitando quindi di mettere l’armadio in disordine.

riorganizzare gli spazi, calzini

Quale pigiama scegliere per tenere testa al caldo? Ne abbiamo parlato su Consigli.it

Appendere aiuta a scongiurare le pieghe

Cosa, invece, si può appendere? Sicuramente i vestiti lunghi. Se ne abbiamo tanti è bene regolare lo stand appendiabiti prediligendo, in fase di acquisto, soluzioni che consentono di modulare l’altezza. Lo stesso vale per gli abiti più svolazzanti e leggeri così come per quelli classici (come il tubino) e gli abiti chemisier ricordandosi di appenderne uno per gruccia.

riorganizzare gli spazi, stampelle

Piccola parentesi sulle stampelle: per preservare la salute e l’integrità dei propri capi, mai utilizzare quelle della tintoria. Perché? “Rovinano i vestiti, li deformano, tirano i fili e, se arrugginite, possono addirittura macchiarli. In base allo spazio a disposizione è bene optare per delle stampelle in legno (leggermente voluminose) o prediligere quelle in vellutino antiscivolo (sono più sottili)”, consiglia l’esperta.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Elena Dossi Rinchiudetely (@rinchiudetely) in data:

Passando invece agli abitini in tessuto elasticizzato o in cotone no panic, si possono anche piegare mentre quelli in pizzo sangallo – essendo abbastanza resistenti – se indossati per la spiaggia o comunque in occasioni informali, anche arrotolati si conservano bene. “Nell’armadio sarebbe comunque preferibile dedicare dei ripiani o dei cassetti, con appositi contenitori, ai capi e agli accessori per il mare (in questo articolo vi abbiamo spiegato come scegliere il telo giusto)”, suggerisce Elena Dossi.

15,99€
disponibile
1 nuovo da 15,99€
1 usato da 15,20€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34

È preferibile appendere anche le giacche (fatta eccezione per quelle di jeans che si possono arrotolare anche se occupano più spazio). Che dire poi di gonne e pantaloni? “Se c’è spazio meglio appenderli. In caso contrario bisogna tenere conto del loro materiale: le gonne di jeans o quelle plissettate si possono ad esempio arrotolare mentre i pantaloncini si possono piegare a ‘c’. I capi di lino, seta e chiffon invece è meglio tenerli appesi. Difficilmente mantengono la piega, tendono infatti a sciuparsi”, spiega l’esperta.

Come disporre le borse

Venendo alle borse, come comportarsi? Si possono riporre in apposite scatole chiuse se non le utilizziamo nella stagione in corso (borse in pelle, velluto etc.). Quelle che, invece, siamo solite indossare nel quotidiano, si possono tenere all’interno dell’armadio in contenitori aperti così da averle a portata di mano. “Meglio, anche in questo caso, aiutarsi dividendole per sottocategorie ovvero separando le pochette dalle shopper etc. Si possono inoltre sperimentare quei pratici contenitori da appendere come una normale stampella: essendo dotati di scomparti trasparenti permettono di individuare subito ciò che serve”, rivela la professional organizer.

Come conservare gli abiti per il cambio di stagione? Su Consigli.it vi abbiamo indicato alcune custodie per tenere i propri capi al sicuro

riorganizzare gli spazi, borse

In conclusione, se l’obiettivo è riorganizzare gli spazi e avere un armadio ordinato e funzionale, bisogna ricordarsi sì di seguire quelli che sono i passaggi chiave ma è di fondamentale importanza personalizzare il tutto. La parola chiave è sperimentare. “Datti del tempo per capire cosa funziona e cosa no. Prendere spunto da ciò che si vede sulle riviste o si legge online va bene ma bisogna poi fare i conti con la propria realtà”, conclude la specialista.

Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34
Ultimo aggiornamento il 7 Agosto 2020 15:34
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie CasaTag

Potrebbe interessarti