Pubblicato il

Fattore D, il lato oscuro delle persone

Una ricerca dell’Università di Copenaghen individua un tratto comune nelle personalità più oscure: ecco cos’è il fattore D

Fattore D
iStock

Secondo un nuovo studio, ci sono nove tratti distintivi e comuni che definiscono il lato oscuro di una persona. I risultati della ricerca mostrano che questo tipo di individui sono contraddistinti dal fattore D. Questo fattore comporta la tendenza a mettere i propri obiettivi e interessi sopra ogni altra cosa.

Una persona ha un tipo di personalità oscura (“Dark” in inglese, da cui fattore D) quando presenta tratti relativi a sadismo, psicopatia, narcisismo o machiavellismo. In un documento intitolato “The Dark Core of Personality”, pubblicato nella rivista Psychological Review, il comune denominatore è la “tendenza generale di massimizzare la propria utilità individuale”. In sostanza, mettere i propri obiettivi e interessi al di sopra di qualsiasi altra cosa. Anche se ciò significa ferire altre persone.

LEGGI ANCHE Psicologia, 4 ‘nuovi’ tipi di personalità

Fattore D, lo studio dell’Università di Copenaghen

I ricercatori Ingo Zettler, psicologo presso l’Università di Copenaghen, Morten Moshagen, professore all’Università di Ulm, e Benjamin Hilbig, professore presso l’Università di Koblenz-Landau, hanno studiato 2500 persone. Hanno chiesto loro di essere d’accordo o in disaccordo con diverse affermazioni. Per esempio, “A volte vale la pena soffrire un po’ pur di vedere gli altri ricevere la punizione che meritano”. Oppure, “So che sono speciale perché tutti continuano a dirmelo”.

Zettler ha detto che i risultati hanno mostrato come gli aspetti oscuri della personalità sembrano avere un denominatore comune. Ciò suggerisce che i tratti oscuri sono l’espressione della stessa visione mentale della vita, che i ricercatori hanno chiamato il fattore D.

Fattore D, ecco i tratti oscuri più comuni della personalità

Quali sono i tratti oscuri più comuni della personalità identificati dal team? In tutto sono nove.

Egoismo – L’eccessivo bisogno di mettere i propri bisogni prima di tutto e di chiunque.

Machiavellianismo – La convinzione che i fini giustificano i mezzi, non importa quanto siano manipolativi o insensibili.

Disimpegno morale – La capacità di comportarsi in modo non etico senza preoccuparsi delle conseguenze.

Narcisismo – Auto-ossessione, mania di grandezza, guardare dall’alto in basso tutti gli altri, volendo comunque la loro attenzione.

Diritto psicologico – Credere di essere migliore di tutti e di meritare un trattamento migliore di quello riservato agli altri.

Psicopatia – Una mancanza di empatia o vergogna accoppiata a un comportamento impulsivo e spericolato.

Sadismo – Voler infliggere danno emotivo o fisico agli altri per provare piacere.

Interesse personale – Desiderare successo sociale e finanziario sopra ogni altra cosa.

Malignità– Distruttività e disponibilità a causare danni agli altri, anche se questo può ferirci.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie PeopleTag