Pubblicato il

Ricetta: Porcini caramellati al forno con lardo d’oca affumicato

Un ottimo secondo, a base di porcini e di lardo d’oca, secondo la ricetta di Tano Simonato del ristorante “Tano Passami l’Olio” di Milano…

Porcini caramellati al forno con lardo d’oca affumicato
Tano Simonato

L’INGREDIENTE DEI PORCINI CARAMELLATI AL FORNO CON LARDO D’OCA AFFUMICATO – I funghi sono considerati una buona fonte di sali minerali. Parliamo di potassio, fosforo, rame e selenio. Generalmente in una porzione da 100 gr di funghi freschi sono presenti 4,5 gr di carboidrati, 3,5 gr di proteine e 0,3 gr di grassi. Vi è inoltre la presenza di vitamine del gruppo B e di sostanze antiossidanti, importanti per la prevenzione di patologie tumorali e di malattie legate all’invecchiamento. Sono state inoltre confermate la loro capacità di combattere le malattie cardiovascolari e gli accumuli di colesterolo nelle arterie.

LA RICETTA Porcini caramellati al forno con lardo d’oca affumicato, aceto balsamico e tartufo nero.

LA DIFFICOLTA’ media

INGREDIENTI PER 4 PERSONE – 8 porcini, lardo d’oca affumicato o lardo bianco con dadini di speck, aceto balsamico 12 anni. Tartufo nero, olio evo medio (Marche, Campania). Zucchero, sale e pepe.

TEMPI DI PREPARAZIONE: 140 minuti

LO SVOLGIMENTO – Pulire bene i porcini, tagliarli a fette con spessore 1 cm e ½. Cospargere dell’olio evo e coprirli di zucchero, salare qb. Mettere in forno a 250° per 7-8 min. circa. Mettere nel piatto di portata e coprire con lardo d’oca affumicato o lardo bianco con dadini (brunoise) di speck. Aggiungere l’aceto balsamico e piallare il tartufo nero.

La firma della ricetta col lardo d’oca

La ricetta, proposta in occasione dello studio effettuato da Polli Cooking Lab, è di Tano Simonato, lo chef stellato del suo “Tano Passami l’Olio” di Milano. Questo ristorante nasce il 31 ottobre 1995, frutto della sua passione e della sua voglia di fare della cucina una ricerca costante del miglioramento nel tempo in cui viviamo. Il suo ingrediente principale, come il nome del locale suggerisce, è proprio l’olio extravergine, sia in cottura che a freddo, che garantisce fragranza e incontaminazione dei prodotti. Qui, infatti, sono quasi banditi soffritti e burro. Ricca la sua carta di vini.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Food