Pubblicato il

Casa nuova, coinquilini nuovi. Qual è il tipo giusto?

La convivenza in una casa nuova da condivedere può rivelarsi molto piacevole oppure assolutamente catastrofica. Tutto dipende dal tipo di persona con cui si andrà ad abitare

casa nuova coinquilini nuovi
badi-ufficio stampa

Con l’anno nuovo avete in mente di cambiare casa? Che sia un scelta o una necessità, un trasferimento non è mai privo di incognite. Specialmente quando si decide di voler condividere la casa nuova con qualcuno. Magari con uno sconosciuto. Che siate studenti oppure lavoratori, sarebbe importante, quando è possibile, poter incontrare i propri coinquilini prima di scegliere la nuova sistemazione. Tanto per farsi un’idea del tipo di persona con cui si dovrà avere a che fare.

Badi, la prima app in Italia che permette di trovare alloggi non turistici da condividere, ha suddiviso in categorie le tipologie di coinquilini in cui ci si può imbattere, basandosi sui tratti salienti della loro personalità. Lungi dal voler allarmare o scoraggiare chi cerca una casa nuova, l’elenco si pone soltanto come una piccola guida. Una rassegna, tra il serio ed il faceto, dei tipi di persone che si possono incontrare sul proprio cammino.

Anno nuovo, casa nuova, coinquilini nuovi

Dividere le spese può essere davvero molto utile per chi vive da solo. Ma quando si abita insieme bisogna ricordare che si condivide molto di più delle bollette da pagare. Il carattere delle persone diventa molto importante quando ci si deve vivere gomito a gomito ogni giorno. Meglio, allora, pensarci prima. Non sopportate l’odore di cibo ad ogni ora del giorno? Siete legati ai vostri cari, vecchi piatti di tutti i giorni e non vi interessa sperimentare sapori ed abbinamenti nuovi? Meglio allora non scegliere il coinquilino “cuoco”. Non potendo fare a meno di cucinare non gli sembrerà vero avere sempre una “cavia” a disposizione. Le persone sedentarie vi annoiano? Vi piacerebbe ogni tanto avere la casa tutta per voi? Allora state lontani dai “pantofolai”. Di certo non sono il tipo di persona a cui poter proporre su due piedi una birra veloce al pub.

Il Cuoco
Il Cuoco

Le incompatibilità possono rendere la convivenza un vero disastro

La casa nuova può diventare un incubo anche se non si sopporta chi ama sempre dire la sua. Pensando, peraltro, che sia l’unica verità inconfutabile. I “precisetti” ne sanno sempre una più del diavolo ma possono, comunque, rivelarsi una buona compagnia per chi ama affrontare ogni discorso senza fermarsi in superficie. Chi ama chiacchierare, inoltre, potrebbe trovare piacevole la convivenza con il “chicchierone”. Non si dovranno temere silenzi imbarazzanti. Ma bisognerà prepararsi a sentire continuamente la loro voce in sottofondo. Anche quando non si avrà voglia di parlare o di ascoltare.

Di contro, se è il silenzio quello che cercate, “l’invisibile” è la compagnia che fa per voi. Tranquillo e discreto, con lui la privacy è al sicuro. Attenzione, però, a non dimenticarsi della sua presenza. Il rischio è alto. Se, invece, preferite che nella casa nuova si respiri un clima più vivace ed amichevole, non vi resta che scegliere il coinquilino “festaiolo”. Con lui non ci si annoia mai. Ma non sarà neanche facile trovare un po’ di ordine e tranquillità. Specialmente se voi siete il tipo di inquilino che Badi definisce “mastrolindo”, sempre fissato con la precisione e la pulizia e che vede sporcizia anche dove non c’è. Tenere pulita la casa quando si fanno feste su feste è davvero un’impresa titanica.

Il Mastrolindo
Il Mastrolindo

Poliglottismo e multiculturalità con l’inquilino “internazionale”

Avete desiderio di imparare e perfezionare le lingue straniere? Vi piace conoscere nuove culture? “L’internazionale” è il coinquilino che fa per voi. O potreste esserlo voi per qualcun altro se vi state trasferendo all’estero. Lo scambio può rivelarsi piacevole e stimolante. Anche se la comunicazione può diventare, talvolta, un po’ faticosa. Specialmente all’inizio non vi aspettate lunghe conversazioni. Ma nella fase embrionale della conoscenza, quando ancora ci si fa un po’ prendere dall’imbarazzo, questo aspetto potrebbe rivelarsi un elemento vincente della convivenza nella casa nuova.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie CasaTag