Pubblicato il

Tequila, come bere e gustare al meglio il distillato messicano

Le tipologie, le età, i bicchieri da usare e gli accostamenti salati: ecco tutti i segreti del famoso distillato messicano…

Tequila, cocktail, drink, distillato
iStock

La tequila è un distillato originario del Messico, ottenuto dalla fermentazione e successiva distillazione dell’agave blu, prodotto originariamente nella località messicana di Tequila e nelle sue vicinanze. E sebbene non abbia un gusto “facile”, è molto apprezzata in tutto il mondo. Però, per gustarla al meglio, occorre prestare particolare attenzione ad alcuni dettagli. Ecco quali.

Il primo errore che molti fanno è bere quella che non viene prodotta utilizzando zucchero al 100% di agave. Si tratta di un processo vecchio e lungo. Perché le piante impiegano otto anni per maturare. Il nucleo della pianta viene quindi distillato. Analogamente allo champagne, solo la bevanda prodotta in Messico può essere giustamente chiamata tequila.

Tutti i segreti del distillato messicano, da quale prendere a come gustarlo…

“Quella è arrivata nel Regno Unito e in Europa è stata mescolata alla tequila. Ciò significa che solo il 51% degli zuccheri proveniva dalla pianta di agave, l’altro il 49% proveniva da altre fonti come il grano o la canna da zucchero “, spiega Eduardo Gomez, direttore di Mezcal e del Tequila Festival di Londra, all’Independent.co.uk. “Di solito queste tequila sono di bassa qualità. La tequila dorata, molto apprezzata, era colorata con caramello, il che provoca quell’orribile sbornia la mattina dopo”.

Un altro consiglio. Quando scegli quale prendere, evita quelle di età superiore ai quattro anni. Lo dice Andrei Talapenscu, capo barista del Pullitzer di Amsterdam, sempre all’Indipendent. Memorizzate alcuni termini chiave. Come Blanco, che è quel tipo di tequila di 2 mesi o meno. Il reposado va tra i 2 e gli 11 mesi. Aneja ha un’età compresa tra uno e i cinque anni. Mentre l’Extra Anejo conta un minimo di tre anni.

Procediamo. Un altro passo falso, secondo Andy Kerr, il co-proprietario del bar Discount Suit Company di Londra, è berla in un colpo solo. Andrebbe invece trattata come un whisky o un rum. E quindi sorseggiando. Con piccoli sorsi. Magari con un bicchiere da degustazione o un bicchiere da vino, così da aprire al meglio i sapori.

Gli amanti del cocktail, aggiunge Gomez, dovrebbero provare il Bloody Mary con il distillato al posto della vodka. E cosa stuzzicare, come contorno? “Tequila e tacos vanno di pari passo”, aggiunge Josh Rooms, il bar manager di Cartel a Battersea. “L’Anejo va incredibilmente bene con la carne di manzo cotta a fuoco lento marinata con peperoncino, pomodori, cipolla bianca e cotto con chorizo”.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag