Pubblicato il

I segreti per una chioma da star

A tu per tu con Marco Civran, Responsabile Education Redken e Pureology, per scoprire come prendersi cura, anche in estate, dei propri capelli.

Ragazza dal parrucchiere
Courtesy of©Voyagerix/iStock

La bellezza non va mai in vacanza e, al fine di sfoggiare sempre un look impeccabile, bastano piccole accortezze ed i prodotti giusti per avere fascino da vedere. Occhi puntati sui capelli: Stile.it ha chiesto a Marco Civran, Responsabile Education Redken e Pureology, qualche perla di saggezza per affrontare l’estate con il sorriso.

Il mare è una delle mete preferite per le venture vacanze: l’esposizione al sole regala una bella tintarella dorata ma quali le conseguenze sui nostri capelli?
La famosa “tintarella” è conseguenza dell’esposizione ai raggi ultravioletti (UV) emessi dal sole. Oramai tutti sanno cosa si può fare per evitare gli effetti indesiderati sulla pelle: anche i capelli subiscono l’esposizione al sole, ma i meccanismi di alterazione e gli effetti sulla fibra capillare sono diversi. Il calore eccessivo ma anche il contatto con molte sostanze come ad esempio il cloro ed il sale, possono risultare aggressive. Per proteggere la fibra capillare, la natura ha dotato i capelli di un prezioso rivestimento composto da diversi strati di minuscole scagliette, definito “cuticola”, una  barriera naturale che viene via via alterata durante un’esposizione prolungata al sole, ed è per questo che si rende necessaria un’adeguata protezione dei capelli.

Le regole della bellezza: quali gli errori più comuni assolutamente da evitare?
Il consiglio fondamentale è prendersi cura dei capelli durante tutto l’anno, proteggendoli dalle aggressioni esterne più frequenti, come ad esempio l’utilizzo di strumenti a caldo come piastre o phon durante la fase di asciugatura. Ideali a questo scopo i prodotti “termo-protettivi”, in grado di proteggere dall’azione del calore come Redken Pillow Proof Express Primer, uno spry da applicare prima della piega. Un altro consiglio importante è quello di far seguire sempre la fase di detersione con l’applicazione di un trattamento (conditioner o maschera) specifico, da scegliere in base alla tipologia del capello.

Cosa suggerisci alle chiome più difficili ovvero le ricce e le fedelissime del colore?
Le chiome ricce risentono purtroppo della natura tipica dei loro capelli; questi si presentano con una struttura meno regolare per via della forma più “piatta” e contorta e con una protezione esterna minore a causa di una minor quantità di squame esterne. Per questo Redken ha lanciato Curvaceous, una gamma completa di prodotti formulati per far esprimere al meglio i capelli ricci. Per i capelli colorati è importante invece contrastare gli effetti causati dall’ossidazione e ridurre la foto-esposizione utilizzando formule con filtri solari. Per mantenere più a lungo la brillantezza di un colore fatto in salone, ideale è la gamma Color Extend Magnetics mentre, per le bionde Redken Blonde Idol, un’ innovativa soluzione per mantenere tra un servizio salone e l’altro,  un biondo perfetto e  senza riflessi indesiderati .

La cura dei capelli dovrebbe essere un momento di dolci coccole ma, la frenesia della vita quotidiana porta troppo spesso a fare le cose velocemente e senza criterio. Quali le giuste mosse per trasformare il lavaggio in una pausa relax i cui risultati positivi si toccano con mano in una manciata di minuti?
“I risultati derivanti dalla fase lavaggio sono fortemente condizionati da alcuni aspetti:
1) Scelta del prodotto lavante: oltre a dover rispettare il pH fisiologico (che deve attestarsi intorno al valore 4.5-5.5) è buona norma che abbia già delle proprietà trattanti vicine alle esigenze dei capelli. Evitare di “strofinare” la parte delle lunghezze dei capelli, insistendo solamente sulla parte del cuoio capelluto con un delicato massaggio.

2) Scelta del prodotto condizionante che spesso non viene utilizzato per esigenze di tempo.
In realtà l’utilizzo di una maschera, se si desidera un’azione trattante “intensa”, o di un conditioner per un’azione  districante più leggera, è sempre consigliata per dare ai capelli il giusto apporto di nutrizione e trattamento in base alle sue esigenze. Il segreto per ottenere il massimo dei risultati è quello di applicare questi trattamenti su capelli ben tamponati poi distribuirli e pettinare solo le lunghezze  ( a circa 10 cm  dalle radici)  lasciare  qualche minuto in posa e poi risciacquare. Ultimo suggerimento:  risciacquare  molto accuratamente i capelli ed utilizzare acqua fredda sulle lunghezze e punte. In questo modo le cuticole si chiuderanno meglio, lasciando i capelli più luminosi!”

I famosi rimedi della nonna sono davvero efficaci? Esistono perle di saggezza per il fai da te in grado di far sentire bella senza andare dal parrucchiere?
Spesso nei rimedi delle nonne sono racchiuse intuizioni fatte di gestualità o utilizzo di ingredienti comuni ma poco usati nella cosmetica! In realtà risultati trattanti molto evidenti sui capelli, soprattutto quelli sensibilizzati chimicamente, si ottengono con ingredienti a pH sensibilmente più acido di quello fisiologico. L’ aceto ad esempio permetterebbe di soddisfare questa condizione. La realtà è che sono necessarie molte altre sostanze per ottenere un trattamento ottimale ed equilibrato, come ad esempio proteine ed aminoacidi specifici che si ritrovano in formule e brevetti più complessi e quindi più efficaci. La cosa migliore è affidarsi sempre al proprio parrucchiere di fiducia, che potrà consigliare non solo i prodotti più adatti da usare a casa, ma anche fornire i trucchi e le soluzioni personalizzate per avere capelli sempre in ordine con il passare del tempo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag