Pubblicato il

Chinotto, questo sconosciuto

Molti identificano il chinotto con la bevanda, ma in realtà si tratta di un agrume particolare

Agrume
istockphotos
Il suo nome botanico è Citrus x myrtifolia, ma è meglio noto come chinotto, e si tratta del frutto da cui nasce l’omonima e celebre bevanda. Negli anni il soft drink è diventato certamente più noto dell’agrume da cui deriva, mettendone in ombra le peculiarità in favore di un sapore di più ampia diffusione. 
Ma il chinotto-frutto ha una storia ben più antica: la sua origine è incerta, e sembrerebbe trattarsi di una particolare evoluzione dell’arancia amara giunta in Europa dalla Cina, che nasce da un albero sempreverde non più alto di 3 metri e da bianchi fiori profumati. E’ in Liguria che la sua coltivazione ha preso maggiormente piede nel 1500, e difatti proprio lì si trova il chinotto di Savona, oggi presidio Slow Food, frutto che un tempo veniva servito immerso in Maraschino e offerto ai clienti dei caffè italiani e francesi all’interno di una vaso con cucchiaio in maiolica. Gli agrumi erano infatti noti per le loro proprietà digestive e per il loro aroma particolare. 
I chinotti sprigionano un profumo intenso e peculiare, che si intensifica man mano che il frutto matura e il suo colore vira dal verde all’arancione, mentre la loro forma ricorda l’arancia amara ma di dimensioni più piccole e dai poli leggermente schiacciati. Si prestano alla conservazione su lungo periodo, e difatti nel 1800 il modo principale di consumarlo era sotto forma di agrume candito: la preparazione pasticciera del frutto divenne una particolarità della provincia di Savona, tanto che nacque la ‘Società Cooperativa dei chinotti’ che si occupava della produzione e della trasformazione (e vendita) degli agrumi. 
Ad oggi la produzione del chinotto è limitata a orti botanici e vivai – esiste un concreto rischio di estinzione – ma ancora nel savonesein liguria si trova il modo di gustarli canditi o sotto sciroppo (da freschi sono piuttosto amari). La famosa bevanda continua tuttavia a mantenere vivo il nome del chinotto, anche se in molte preparazioni il frutto vero è quasi del tutto assente, e rimpiazzato da ‘aromi al sapore di’ chinotto. I fiori e le foglie vengono invece utilizzati nelle preparazioni erboristiche, come tisane digestive, depurative, e concilianti del sonno.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie FoodTag