Pubblicato il

Moda sostenibile, quando i vestiti nascono dal riciclo

dagli swap party a Circular Fashion: spunti per dare una seconda vita ai capi d’abbigliamento

moda sostenibile
iStock

Le statistiche riguardanti l’industria tessile in Italia dicono che negli ultimi 15 anni la produzione è raddoppiata. Il problema, però, riguarda la percentuale relativa al riciclo dei vestiti. Da noi si attesta al 12%. Ma è a livello mondiale che il dato è allarmante: non si supera nemmeno l’1%. I vecchi vestiti finiscono in discarica o si bruciano. Un danno pazzesco per l’ambiente, soprattutto se consideriamo quanta acqua serva per la produzione – per esempio – di un solo paio di jeans. Si va dai 7 mila ai 10 mila litri. Come contrastare questo spreco? La risposta è: moda sostenibile.

I modi per realizzarla sono molteplici. Dalla produzione (e quindi dalla riduzione dello spreco d’acqua e delle emissioni di CO2) alle filiere controllate, passando per i market ecosostenibili e i negozi green. Insomma, non ci sono scuse. Oltre alla raccolta differenziata che riguarda l’universo del cibo, il riciclo e il salvataggio del pianeta passano anche dai nostri armadi.

Dal riciclo nacque il Parka

Difficile trovare un 30enne di oggi che non abbia mai indossato un Parka. Oggi è uno degli indumenti più riciclati in circolazione. Adatto per proteggersi dal freddo, solitamente viene realizzato in poliestere, ricavato da bottiglie di plastica.

FJÄLLRÄVEN Greenland - Parka Invernale da Donna, Donna, 89738-625, Laurel Green, S
FJÄLLRÄVEN Greenland - Parka Invernale da Donna, Donna, 89738-625, Laurel Green, S
Prezzo: EUR 345,79


Scarpe green

C’è chi poi investe nella ricerca, come Veja, azienda che produce scarpe. Il nuovo modello, “Condor“, rappresenta la prima scarpa da running, green al 53%. La suola è in gomma dell’Amazzonia, la tomaia è in plastica riciclata e il foam in lattice naturale.

Veja V10 Leather Extra White (44 EU)
Veja V10 Leather Extra White (44 EU)
Prezzo: EUR 100,00


Moda sostenibile vs fast fashion

La lotta, al momento, è impari. La moda sostenibile comporta un maggior dispendio di tempo nella ricerca dei capi adatti e soprattutto un maggior esborso economico. La modalità fast fashion, infatti, è una tentazione spesso troppo forte per chi non ha tempo da dedicare allo shopping, ma soprattutto una ridotta disponibilità economica. Il risultato è che abbiamo più vestiti, quindi contribuiamo a produrre più inquinamento.

Ci sono però soluzioni creative. Per esempio gli swap party, simili ai market dove si vendono e comprano vestiti usati. Indossati, magari, una sola volta. E poi, ovviamente, i negozi green.

O ancora dei progetti come Rifò. Si tratta di un esempio di Circular Fashion Made in Italy, creato da due ragazzi di Prato. L’idea è quella di dedicarsi a vestiti non venduti per la sovraproduzione. Quindi di prendere tutti quelli scartati per creare un nuovo filato. La loro tecnologia permette di riciclare uno degli indumenti più inquinanti: i jeans.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie ModaTag

Potrebbe interessarti