Pubblicato il

Una grande mostra a casa di Christian Dior

Il Musée Christian Dior di Granville si apre in una mostra più ricca che mai che ha per protagonista la produzione del grande stilista

Christian Dior
Credit Collection Musée Christian Dior

Un evento senza precedenti, che fino al 6 gennaio del 2019 permetterà di esplorare un magico ‘santuario’ della moda, arricchito di una vastissima quantità di tesori. Il Musée Christian Dior di Granville si apre in una mostra più ricca che mai, e che ha per protagonista la produzione del grande stilista ma anche la sua vita e quella della famiglia. ‘I tesori della collezione: 30 anni di acquisizioni’ è il titolo dell’esposizione che in un certo senso omaggia il museo stesso, la casa natale di Christian Dior.

30 anni di una grande collezione dedicata a Christian Dior

“Bar” suit by Christian Dior, Spring-Summer 1947 Haute Couture collection – Credit Association Willy Maywald ADAGP Paris (2018)

Sono proprio 30 anni che la grande raccolta di Granville è stata creata. Il Musée Christian Dior si trova in quella che è stata la casa del grande stilista, abbarbicata in cima ad una collina sulla costa della Normandia, non lontana da Rouen. Una villa, chiamata Les Rhumbs, che con il suo colore rosa e i suoi giardini in fiore ha ispirato molte creazioni di Dior.

Christian Dior’s agenda – Coll. Ville de Granville – Credit Benoit Croisy

I visitatori potranno ammirare la collezione di oltre 60 abiti da sera couture, accessori, profumi, fotografie e illustrazioni d’archivio. Ma possono ‘vivere’ l’atmosfera in cui era immerso Christian Dior. Un ambiente che ha forgiato il suo spirito, la sua creatività. In mostra anche molti cimeli di famiglia, e oggetti personali dello stilista come un diario, un paio di forbici, il suo portafortuna.

“Italie” dress by Christian Dior, Autumn-Winter 1951 Haute Couture collection – Credit Laziz Hamani

Un tesoro che negli anni è cresciuto, e continua a farlo ancora oggi. E difatti la mostra intende omaggiare anche tutti coloro che lo hanno reso possibile. I benefattori, i collezionisti, coloro che di Dior possiedono pezzi unici e che allo stilista hanno fatto preziosi regali. Come l’Imperatore del Giappone che donò una scatola d’argento, per la prima volta in esposizione.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag