Pubblicato il

Venezia celebra Peggy Guggenheim, ultima Dogaressa

A distanza di quarant’anni dalla sua scomparsa, la Collezione Peggy Guggenheim rende omaggio agli anni italiani della sua fondatrice con 60 opere

Peggy Guggenheim
PH: Tony Vaccaro

Celebra la vita veneziana della collezionista Peggy Guggenheim, scandendo tappa dopo tappa le mostre e gli eventi che hanno segnato i suoi anni trascorsi in laguna. È la mostra Peggy Guggenheim. L’ultima Dogaressa che  a Palazzo Venier dei Leoni si focalizza sul collezionismo post 1948 della mecenate. Poco prima del ’48 infatti, la Guggenheim chiudeva la sua galleria- museo “Art of This Century” di New York e si trasferiva a Venezia. Curato da Karole P. B. Vail con Gražina Subelytė il percorso espositivo presenta una sessantina di opere. In esposizione dipinti, sculture e lavori su carta, acquisite nel corso degli anni quaranta e il 1979, anno della scomparsa della Guggenheim.

Peggy Guggenheim
Grace Hartigan (1922 – 2008) – Ireland, 1958

I capolavori da non perdere

La mostra offre l’opportunità fino al prossimo 27 gennaio di rivedere celebri capolavori. È il caso de “L’impero della luce” di René Magritte o “Studio per scimpanzé” di Francis Bacon. La mostra consente, inoltre, di ammirare opere raramente esposte, come “Autunno a Courgeron” di René Brô e “Serendipity 2” di Gwyther Irwin. E poi ancora “Sopra il bianco” di Kenzo Okada e “Deriva No 2.” di Tomonori Toyofuku. Queste ultime due opere dimostrano l’interesse della Guggenheim anche per la scena artistica oltre l’Europa e gli Stati Uniti.

Francis Bacon (1909 – 1992) – Study for Chimpanzee, 1957

Il percorso

La mostra prende avvio dal 1948 quando Peggy Guggenheim viene invitata con la sua collezione alla XXIV Biennale di Venezia. Grazie a questa iniziativa vengono presentati in Europa per la prima volta Pollock e la nuova generazione di artisti americani. Ad aprire la visita le opere di Arshile Gorky, Robert Motherwell, Mark Rothko e Clyfford Still, le stesse esposte nella rassegna del ’48. Si prosegue con una citazione della prima mostra di scultura contemporanea che Peggy Guggenheim organizza a Palazzo Venier dei Leoni. Nel percorso di questa mostra trovava spazio “Testa e conchiglia” di Jean Arp, opera fondante della collezione. Fra le altre sculture in mostra “Uccello nello spazio” di Constantin Brancusi e “Piazza” di Alberto Giacometti.

Peggy Guggenheim
Emilio Vedova (1919 – 2006) – Image of Time (Barrier), 1951

Gli anni ’50 e ’60

Nel corso degli anni ’50 Peggy Guggenheim sviluppa un certo interesse sia per l’arte del gruppo CoBrA sia per l’arte britannica. A rappresentare i due filoni sono presenti i lavori di Pierre Alechinsky, Karel Appel e Asger Jorn, per il gruppo CoBrA. Per quanto riguarda l’arte inglese sono presenti Kenneth Armitage, Francis Bacon, Alan Davie, Henry Moore, Ben Nicholson e Graham Sutherland. L’esposizione include infine un focus sull’Arte cinetica e Op art, genere che interessò particolarmente Peggy Guggenheim nel corso degli anni ’60. In esposizione i lavori di Marina Apollonio, Alberto Biasi, Martha Boto Franco Costalonga, recentemente scomparso. E poi ancora Heinz Mack, Manfredo Massironi e Victor Vasarely.

Peggy Guggenheim
Clyfford Still (1904 – 1980) – Jamais, 1944
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie Tempo liberoTag

Potrebbe interessarti