Pubblicato il

Yerba mate, la bevanda cara a Che Guevara

Molto apprezzato dalle popolazioni sudamericane, questo infuso rappresenta un’ottima alternativa al caffè

yerba mate
Courtesy of©anyaivanova/iStock

Se ne sente molto parlare ma, in realtà, non sono in molti a conoscere la sua identità: parliamo della Yerba Mate, una pianta sempreverde che cresce nelle foreste subtropicali del Sud America (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay). Perché è famosa? Stando a quanto riporta il sito Metro, dalle sue foglie si ricava un infuso dalle innumerevoli proprietà benefiche la cui popolarità è in continua crescita. Tra i più illustri consumatori figura il nome di Che Guervara.

Yerba Mate, una bevanda energizzante

E’ infatti un prezioso concentrato di vitamine del gruppo B, vitamina C, zinco, potassio e manganese. Non solo. Contiene anche caffeina, teobromina e teofillina, ergo rappresenta un’ottima alternativa al caffè. E’ utile tanto per aumentare la concentrazione quanto per rafforzare il sistema immunitario e ancora è un valido diuretico. Il suo sapore è simile a quello del tè verde ma è più delicato, forse perché non contiene i tannini (presenti nel tè nero e nel caffè), responsabili di quel retrogusto amaro.

Come si beve

Questa bevanda, nota anche come tè argentino, per molte popolazioni rappresenta un momento di convivialità paragonabile al rito del tè nel Regno Unito. Tradizionalmente si utilizza un contenitore (mate o porongo) ricavato da una zucca che, dopo essere stata essiccata, viene scavata per essere utilizzata tanto per preparare l’infuso quanto per berlo. Una volta pronta, è possibile assaporare la bevanda avvalendosi di una speciale bombilla, ovvero una sorta di cannuccia.

Calda o fredda, come servirla

Ovviamente questo non è l’unico modo per consumarla. E’ infatti in commercio sia sotto forma di foglie sfuse che di bustine. Per impreziosirne il sapore, si può aggiungere una spolverata di cannella o zenzero. Ma non solo. Essendo molto versatile, questo tè si può preparare in mille modi. E’ ottimo infatti sia caldo, con latte e miele, che freddo con limone e menta. E’ decisamente rinfrescante, soprattutto se consumato in estate.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag