Pubblicato il

Damien Hirst. Tra Marketing e Arte

Il re della Britart, Damien Hirst espone a Londra i suoi ultimi lavori

Nothing Matters

“Sento di essere arrivato da qualche parte[…].  In un modo completamente differente, sento di avere gli strumenti per navigare da qualche parte. Tutte le espressioni – dubbi, paure – escono fuori in questa arena”. Queste le parole di Damien Hirst alla presentazione della sua ultima fatica alla Galleria White Cube di Londra.

Un Hirst nuovo nella personale londinese, un pittore solitario ben distante dalla figura del mirabolante mago del marketing dell’arte. “Nothing matters“, 19 nuovi dipinti presentati nelle due sedi della galleria, alla White Cube Hoxton Square, un gruppo di lavori che includono tre trittici (prodotti dal 2007 al 2009), dai soggetti inquietanti: corvi in volo su una campitura di cielo blu, sbattere di ali e violente macchie di vernice rossa sui loro corpi.
Nei quattro trittici esposti al piano terra della White Cube Mason’s Yard, gli uccellacci funesti riappaiono come forieri di cattive notizie, dividendo la scena con figure fantasma, forme scheletriche e oggetti, sedie, limoni, coltelli, teschi, bicchieri di vino e persino uno scorpione.

“Quando cerco di individuare – Rudi Fuchs all’interno del catalogo dà una lettura delle opere – quale sia l’atmosfera visiva nelle nuove immagini di Hirst sono costantemente riportato a Beckett , nessuna storia in particolare, ma la sostanza dell’argomento è importante , ma all’asciuttezza austera del linguaggio. Le frasi sono interrotte, le linee spezzate, le osservazioni sono frammentate e conducono lentamente verso una percezione più chiara della realtà”.

Damien Hirst rimane l’icona della Britart, il movimento degli artisti britannici le cui opere sono state comprate e sponsorizzate da Charles Saatchi negli anni ’90. Nel 1992 arriva al successo partecipando alla mostra Young British Artists nella vecchia galleria Saatchi in Boundary Road in St John’s Wood con “L’mpossibilità fisica della morte nella mente di un essere vivente”, uno squalo in formaldeide in una vetrina, che diventa l’immagine firma della Britart.

Un Hirst più riflessivo, sempre provocatorio, un artista solitario che ha affinato ancora di più  la sua consapevolezza. In una recente intervista rilasciata a Simon Hattenstone nelle pagine del Guardian, alla inevitabile domanda se fosse mai sceso a compromessi, prendendosi gioco del mercato dell’arte, Hirst ha ammesso: “Credo di esserci arrivato molto vicino. C’è stato un momento in cui avrei potuto produrre in massa e all’infinito i dipinti spot e spin  e arrivare sempre con il sorriso in banca. Si può prendere in giro l’arte, non penso che ci si possa prendere gioco del mercato. Tutti i mercati sono una cosa seria!”

Leggi anche:
Damien Hirst
Nell’età dell’incertezza
Chi è il numero1?

Potrebbe interessarti