Pubblicato il

Uva pizzutella, la Puglia a tavola

Una varietà di uva tardiva e soprattutto dolcissima: la pizzutella

Grappolo d'uva
istockphotos
L’Italia intera è famosa per la coltivazione della vite e dell’uva, da nord a sud, per produrre il vino o per consumare il frutto. Tra le decine e decine di varietà che rendono il Belpaese ricco da questo punto di vista c’è l’uva pizzutella, diffusa soprattutto nelle regioni meridionali, e in particolare considerata ‘l’oro bianco’ di Puglia. E’ in questa regione infatti che si produce la maggior parte della dolcissima uva da tavola di cui è particolarmente apprezzata la varietà bianca – esiste anche l’uva pizzutella nera ma è molto meno diffusa.
Questo tipo di uva si riconosce per la forma degli acini allungata e conica, la consistenza soda, i grappoli di dimensioni medio-grandi. E proprio dalla forma deriva il suo nome: nonostante sia la Puglia la regione dove viene maggiormente coltivata, è dal dialetto romanesco che deriva ‘pizzuto’ ovvero ‘appuntito’. Anche il Lazio infatti vanta una discreta produzione di questa dolce uva da tavola, soprattutto la zona di Tivoli. Di colore giallo-verdino, viene raccolta tra settembre e ottobre, ed è una delle uve più tardive.
Più zuccherina di altre varietà di uva, vanta comunque tutti i benefici che appartengono alla sua specie, di cui vi abbiamo parlato qui. Il suo sapore la rende quindi particolarmente apprezzata a tavola, ma anche perfetta per dolci e dessert (crostate, strudel, budini). Si adatta molto bene anche alle insalate a base amara – radicchio, indivia, scarola – e costituisce un ingrediente originale per il risotto, da mantecare con molto formaggio per ottenere un delizioso contrasto dolce-salato.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie FoodTag