Pubblicato il

Decluttering, fare spazio per sentirsi meglio

Liberarsi del superfluo e ri-organizzare la casa non solo per avere più spazio, ma per sentirsi meglio

Fare spazio
istockphotos
Decluttering è un termine indica l’azione del liberarsi del superfluo, del fare ordine, del creare spazio che in una sola parola italiana si fatica a tradurre. E se non abbiamo un termine preciso nel vocabolario per indicare questa azione, figuriamoci se siamo pronte a compierla: per molte, moltissime persone è difficile liberarsi di oggetti, ninnoli, abiti, a volte addirittura scartoffie, bigliettini, scontrini. Si finisce per accumulare, accumulare, accumulare per poi ritrovarsi a non avere spazio nel guardaroba, o in casa in generale.
Ci sono molti motivi per incentivare il decluttering. Innanzitutto, prendiamo quelli di carattere pratico: eliminare ciò che non utilizziamo significa creare spazio per oggetti utili, e di conseguenza una migliore organizzazione degli ambienti domestici; inoltre, ci si rende la vita di tutti i giorni più facile, perché trovare le cose diventa più semplice. Fattore che si collega a ragioni di tipo psicologico: se tutto è a portata di mano o comunque di facile individuazione ci si stressa meno (pensate al nervoso di non trovare le chiavi, o una specifica maglietta) nel compiere le azioni quotidiane. L’ordine delle cose equivale molto spesso ad un ordine mentale. Ci sono inoltre motivazioni più profonde per eseguire un decluttering ogni tanto: a volte il passato è un fardello, e gli oggetti stanno lì a ricordarcelo in continuazione. Per andare avanti occorre avere la strada libera, e per muoversi bene seve una valigia leggera, non la zavorra. 
Questo non significa buttare tutti i ricordi, e nemmeno diventare maniache dell’ordine, ma selezionare, circondarsi solo di cose davvero importanti. Come fare? Innanzitutto, se la vostra casa scoppia di oggetti, non stressatevi a fare una maxi-pulizia, ma dividete per settori: il guardaroba probabilmente vi darà del filo da torcere, poi ci saranno scatole e scatoline con ninnoli e oggetti vari, lo sgabuzzino dove si nasconde tutto ciò che non sapete dove altro mettere e così via. Datevi un obbiettivo per volta. Cominciate con il tirare fuori tutto quello che c’è nel mobile/scompartimento in questione. Analizzate tutto ponendovi queste domande: l’ho usato di recente? è aggiustato? è bello? gli voglio bene? ho dei ricordi belli o importanti legati a questo oggetto? La maggioranza delle risposte deve essere un ‘sì’, altrimenti liberatevene. Fate delle scatole in cui dividerete le cose riutilizzabili che potreste portare a qualche centro di raccolta per persone bisognose, mentre buttate via tutto ciò che non si può più utilizzare. Vi sentirete subito meglio!
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie CasaTag