Pubblicato il

Tè o caffè? La “gara” ha finalmente un vincitore

Una ricerca svela, finalmente, quale bevanda, tè o caffè, contenga più caffeina e come aumentare l’apporto della sostanza per chi preferisce bere il tè

tè o caffè
iStock

Ogni giorno quando si aprono gli occhi e si mettono i piedi fuori dal letto, la prima cosa a cui si pensa è come riuscire a svegliarsi. C’è chi sciacqua il viso con l’acqua fredda. Chi alza immediatamente le serrande affidandosi alla luce del giorno. Chi ascolta musica o radio. Quasi tutti, però, al mattino cercano il conforto di una bevanda in grado di dare una bella sferzata di energia. Una bevanda che poi li accompegnerà anche nel corso della giornata quando avranno bisogno di qualcosa che li tiri su. Ed è a questo punto che nasce la questione annosa su quale sia la bevanda perfetta. Tè o caffè? Quale delle due contiene più caffeina? Le teorie a riguardo si susseguono da sempre. Ma una recente ricerca sembra, finalmente, aver dato una risposta. Metro.co.uk ne ha riportato i risultati.

Tè o caffè? Quale bevanda contiene più caffeina?

Appassionati di tè o caffè, potete smettere di litigare. Bluebird Tea Co. ha rivelato quale dei due granatisce un maggior apporto di caffeina. A vincere la “sfida” della caffeina sembra essere il caffè. Una tazza di tè standard ne conterrebbe, infatti, la metà rispetto al caffè. Questo non rende, naturalmente, il tè meno utile e gradevole. Gli appassionati potranno continuare a consumarne e a ricavarne il consueto effetto stimolante. Semplicemente chi beve una tazza di caffè riceverà una carica maggiore. Bisogna, inoltre, sottolineare che non tutti i tipi di tè contengono la stessa quantità di caffeina. I ricercatori spiegano, ad esempio, che il tè bianco apporta meno caffeina, mentre la polvere di tè verde matcha di più.

Mangiare sano

I fattori che influenzano la caffeina

Ma non è finita. Ci sono anche altri fattori che influenzano la quantità di caffeina apportata da un tazza di tè. Si tratta della temepratura dell’acqua, dei tempi di infusione, dell’età della foglia e del tipo di lavorazione. In particolare, per quanto riguarda la temperatura dell’acqua ricercatori spiegano che se la temperatura del liquido è più elevata, la caffeina si discioglirà più facilmente al suo interno. E’ anche per questo motivo che in una tazza di tè bianco si troverà meno caffeina. Questa varietà di tè, infatti, viene lasciata in infusione in acqua più fredda.

Per quanto riguarda il tempo di infusione, infine, la ricerca è giunta risultati opposti rispetto a quelli che ci si aspetterebbe. Un tempo di infuzione maggiore, infatti, ridurrebbe l’apporto di caffeina anzichè aumentarlo. Questo perchè lasciando macerare per più tempo la foglia nel liquido, essa sprigionerà altre sostanza che si legheranno alla caffeina impedendole di legarsi, a sua volta, ai nostri recettori ceebrali.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag