Pubblicato il

Stiratura giapponese, addio ai ricci indomabili

Questa tecnica permette di trattare i capelli più crespi rendendoli lisci e setosi

capelli lisci, stiratura giapponese
Courtesy of©JNemchinova/iStock

Avere una chioma riccia e ribelle, se per molti è affascinante, per altri è invece un vero e proprio incubo. Gestire una capigliatura folta e indomabile non sempre è facile. Ecco allora che, armate di phon, spazzola e piastra si cerca di neutralizzare il nemico con colpi di calore. A volte però i risultati non sono soddisfacenti. A tale proposito è possibile ricorrere al piano b ovvero alla stiratura giapponese: di cosa si tratta? Questo trattamento permette di avere capelli lisci come degli spaghetti. Come? A fornire informazioni utili in merito è stata la rivista Cosmopolitan.

Stiratura giapponese: cos’è e come funziona

Questa tecnica potrebbe rivelarsi l’asso nella manica per tutte coloro che vogliono vedere (in testa) un vero e proprio cambiamento. Il trattamento, da effettuare in un salone di parrucchieri, dura circa tre ore. A chi si rivolge? A tutte coloro che hanno i capelli ricci, crespi o boccolosi. Anche se colorati.

In cosa consiste? Dopo aver lavato i capelli vanno asciugati per poi applicare, ciocca dopo ciocca, una soluzione chimica che deve rimanere in posa tra i 10 e i 45 minuti. Successivamente si prosegue con il risciacquo, passaggio che consente di eliminare il prodotto. Al fine di favorire la penetrazione all’interno della fibra capillare, la chioma viene poi asciugata e lisciata tanto con il phon quanto con la piastra. Si applica poi un finish per 15 minuti.

Dopo il terzo e ultimo shampoo, i capelli vengono asciugati. Attenzione: è bene tenere a mente che, dopo aver sottoposto la capigliatura alla stiratura giapponese, non va toccata per almeno 48 ore. Quindi no a elastici, forcine, cerchietti o altri accessori. Il prodotto, infatti, in questo arco di tempo continua ad agire: è bene dunque non intervenire. Metterci mano potrebbe significare compromettere il risultato finale.

Il costo

Veniamo al tasto dolente: il costo. Stando a quanto si legge sul noto magazine femminile, i prezzi di questo trattamento oscillano tra i 350 e gli 800 euro. Tutto dipende dalla lunghezza e dalla natura del capello. C’è però da dire che il risultato ottenuto ha una durata di circa 4-6 mesi.

Spazzole liscianti e piastre

Per chi preferisce soluzioni meno “estreme”, la risposta più pratica è affidarsi alle spazzole liscianti che hanno piastra riscaldata nella parte superiore e una separatore di capelli, che li mette in ordine in maniera delicata, mentre li stira. Il vantaggio è che si otterrà l’ambito effetto liscio, senza doversi armare di spazzola in una mano e piastra nell’altra. Occhio alle temperature: se sono troppo basse non producono il liscio sperato, troppo alte rischiano di danneggiare i capelli. Una piccola guida all’acquisto, si può leggere in questo articolo dedicato proprio alle spazzole liscianti e pubblicato su Consigli.it

Se invece il dubbio è tra la spazzola lisciante o la classica piastra, in questo articolo trovate una selezione di piastre a confronto, ciascuna analizzata per le sue caratteristiche. Mentre in questo si parla specificamente della piastra a vapore.

Una piastra particolarmente studiata per diverse esigenze è questa proposta da Wolady, con doppia funzione: vapore o infrarossi. La modalità vapore aggiunge umidità ai capelli per conferirgli maggiore lucentezza e morbidezza. L’effetto finale è quello del salone del parrucchiere. La funzione a infrarossi, invece, ripara la superficie dei capelli, li asciuga per evitare la perdita di umidità e ne stimola la crescita. Nel kit è previsto anche un guanto di protezione termica.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag