Pubblicato il

Tutta l’energia di una mandorla

Secondo una ricerca gli italiani sono esausti. Le mandorle possono aiutare a ritrovare l’energia

mandorla

Gli italiani soffrono di cali di energia durante la giornata. Vanno a letto esausti, e si svegliano ancora stanchi. Avrebbero bisogno di integrare la dieta con un frutto che potrebbe restituire loro molte energie: la mandorla. È quanto emerge dalla ricerca Vita ed Energia, presentata da Almond Board of California in collaborazione con ANDID – associazione dei dietisti italiani.

Dalla ricerca emerge che solo il 16% degli italiani si sente normalmente al top del benessere. Mentre il 58% dichiara di svegliarsi al mattino già in carenza di energia. Nella media, il momento di maggiore carica si raggiunge intorno alle 11 del mattino, dopodiché avviene un declino nel corso della giornata. In particolare, il picco negativo si raggiunge nel pomeriggio tra le 14 e le 16. Un buon 40% degli intervistati finisce per andare a letto stanco la sera, il 30% o addirittura esausto.

Mandorla Vs stanchezza

Gli italiani sono diventati più occupati e frettolosi, anche nel consumo di pasti. E questo potrebbe portare a maggiore fatica, a causa di scelte nutrizionali non bilanciate“, ha dichiarato la dietista Marta Molin dell’ANDID. “Ci sono modi semplici per ‘ricaricare le batterie’, ma molti non lo fanno in modo corretto. Con ripercussioni sulla vita quotidiana“.

Per esempio, molti italiani preferiscono mangiare o bere qualcosa di dolce per ricaricarsi. Oppure dormire. Solo il 19% opta per snack sani, che invece sono quelli che ci porterebbero a mantenere le energie più a lungo. La ‘ricarica smart’ è per esempio la mandorla. Consumando una ventina di frutti quando si percepisce un calo di energia si assumono “proteine e grassi buoni, oltre alle fibre, che possono rivelarsi di aiuto per rimanere in pista durante tutto il corso della giornata” spiega la dietista.

Le mandorle sono fonte di magnesio, che contribuisce alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Sono anche ricche di riboflavina (B2) e fonte di niacina (B3), tiamina (B1) e folato (B9), che svolgono un ruolo nella produzione di energia nel corpo. Inoltre sono facili da mangiare, si possono portare con sé ovunque, e si possono mangiare prima di fare attività fisica. La porzione suggerita, facile da misurare, è di circa 28 grammi equivalente a 23 mandorle. E smettiamo di pensare che intacchi sulla dieta: 23 mandorle corrispondono circa a 160 calorie, molto meno di qualsiasi snack dolce o merendina.

Leggi anche: Olio di mandorle dolci, salute e benessere dalla natura

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie FoodTag