Pubblicato il

Cosa succede al tuo cervello al culmine del piacere

Sono strettamente correlati, ma qual è il rapporto tra cervello e orgasmo?

cervello e orgasmo
istockphotos

È un’esperienza che tutti (o quasi) provano almeno una volta nella vita. Eppure rimane un fenomeno ancora misterioso per certi aspetti. Sono numerosi le ricerche che mirano a rendere più chiaro l’orgasmo dal punto di vista scientifico, studiando cosa accade al cervello prima, dopo e durante il culmine del piacere. Perché cervello e orgasmo, si sa, sono strettamente collegati: il Business Insider ha raccolto i dati forniti dagli esperti sul tema. Ve li riportiamo.

Ultimo aggiornamento il 22 Luglio 2019 8:46

Cervello e orgasmo, qual è la relazione

La corteccia orbitofrontale laterale si ‘spegne’. Ovvero, la parte ‘logica’ del cervello si disattiva, ed è per questo che ci si sente disinibiti e audaci durante il sesso. Si tratta della parte di cervello coinvolta nel raziocinio, nel prendere decisioni, nel valutare e giudicare, e naturalmente non va in stand-by completo, ma diventa meno attiva, diminuendo paure e ansie.

Le risonanze magnetiche hanno permesso di osservare che moltissime parti del cervello si attivano durante un orgasmo, anche alcune particolarmente remote. Aree preposte alla produzione di certi ormoni, aree che elaborano informazioni tattili, di movimento, di ricordi, di fantasie. Una vera e propria orchestra di sensi e percezioni che suona all’unisono.

10,96€
12,90
disponibile
13 nuovo da 10,96€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 22 Luglio 2019 8:46

Al culmine del godimento il cervello produce ormoni e neurotrasmettitori che contribuiscono alla sensazione generale di piacere. Come la dopamina, associata al benessere, al desiderio, alla soddisfazione. O l’ossitocina, nota come l’ormone capace di ‘legare’, di far provare affezione, vicinanza. Si continua a produrla anche ore dopo l’orgasmo, specialmente le donne. Ancora, vengono rilasciate endorfine, e questo ‘mix’ permette al corpo di sentire meno il dolore: per questo performance più o meno estreme (sculacciate, bondage, tirate di capelli) non vengono associate al dolore ma al piacere.

Sorprendentemente, il cervello non distingue le esperienze piacevoli. Il sesso, mangiare un dessert golosissimo, soddisfare una dipendenza, assumere una droga, o persino ascoltare la propria musica preferita. Tutte le esperienze che danno godimento attivano (all’incirca) le stesse aree del cervello. Ancora più sorprendentemente, la maggior parte delle aree della corteccia coinvolte nell’orgasmo, sono le stesse che si attivano quando si prova dolore. Questa connessione tuttavia non è ancora stata completamente compresa.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie AmoreTag