Pubblicato il

La ricetta del buon ricordo: marubini ai profumi dell’orto

Un classico della cucina cremonese sapientemente interpretato dallo chef Sergio Carboni del ristorante Cappella de’ Picenardi di Cremona

Buon ricordo: Marubini ai profumi dell’orto
Buon ricordo

I marubini sono un classico della cucina cremonese. Ma in questa versione, quella dello chef Sergio Carboni, c’è una particolarità: vengono scolati e ripassati in padella con un soffritto di verdurine e pancetta, prima della spolverata finale di formaggio grattugiato.

L’ingrediente: il manzo

Il consumo di carne è importante per proteine, sali minerali, quali ferro, potassio e magnesio, e vitamine, soprattutto del gruppo B. Contiene anche grassi saturi. Quella di manzo possiede un contenuto di ferro più alto rispetto agli altri tipi di carne: il manzo, maschio castrato macellato verso i 3-4 anni, presenta un sapore intenso e un importante apporto di proteine.

La ricetta

Difficoltà – media

Ingredienti per 10 persone – Per il ripieno: 400 g di brasato di manzo, 300 g di ritagli di maiale, 100 g di mortadella. 100 g di pesto di salame fresco, mezza cipolla, sale, pepe e noce moscata, 2 uova, 150 g di Grana padano grattugiato, 100 g di pane raffermo, 1 bicchiere di vino bianco.
Per la pasta: 800 g di farina 00, 9 uova, sale. Per il condimento: 2 carote, 1 zucchina, 2 coste di sedano, mezzo peperone rosso, mezzo peperone giallo, 150 g di burro, 150 g di olio extra vergine d’oliva, 150 g di pancetta.

Tempi di preparazione: 3 ore

Il procedimento

Tritare la cipolla e metterla a rosolare in un tegame con poco burro. Aggiungere la carne di maiale tagliata a cubetti e farla rosolare. Aggiungere la mortadella e bagnare con il vino bianco. Aggiungere il brasato con il suo sugo e lasciare cuocere per circa 50 minuti. Spezzettare il pane e aggiungerlo al ripieno, lasciando che assorba il succo. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare. Passare il tutto al tritacarne e quindi impastare aggiungendo il pesto di salame a crudo, il Grana padano, le uova, sale, pepe e noce moscata.

Impastare la pasta con gli ingredienti e quindi tirarla molto sottile. Con la rotella rigata tagliare dei quadretti di circa 4 cm di lato. Mettere al centro una nocciola di ripieno e piegare angolo su angolo. Attorcigliare i due angoli attorno al dito indice e premere i lembi in modo da attaccarli. Ripetere l’operazione fino ad esaurimento del ripieno.

Per il condimento: tagliare tutte le verdure a cubettini molto piccoli e scottarli per circa 2 minuti in acqua bollente salata, quindi scolare e raffreddare. Mettere le erbe lavate e sfogliate in un frullatore con il burro sciolto e l’olio extra vergine d’oliva. Frullare alla massima velocità per 3 minuti. Passare al colino ottenendo un burro di colore verde molto profumato. Mettere le verdurine e il burro in un tegame con la pancetta tagliata a cubetti e fare soffriggere.

Cuocere i Marubini nel brodo grasso, scolarli e posizionarli sui piatti. Spolverare di Grana Padano e condire il tutto con il soffritto. Condire bollenti.

Perché “piatto del buon ricordo”

I cremonesi marubini sono immancabili sulla sontuosa tavola del Natale. Simili ai tortellini, hanno ripieno di brasato di manzo, maiale, pesto di salame e grana padano. Si servono rigorosamente in brodo triplo di manzo, maiale e gallina.

La firma dei Marubini ai profumi dell’orto

La ricetta di questo piatto classico della cucina cremonese è firmata dallo chef Sergio Carboni del ristorante Cappella de’ Picenardi, Cremona.

 

Ricette di osterie della Lombardia. Cremona e il suo territorio
Ricette di osterie della Lombardia. Cremona e il suo territorio
Prezzo: Non disponibile


Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie FoodTag