Pubblicato il

Mapo, un agrume da scoprire

Poco diffuso eppure ricco di proprietà benefiche per cui vale la pena provarlo: il mapo

Agrumi
istockphotos
È uno degli agrumi più precoci, che compare tra i banchi della frutta già ad ottobre, e inaugura la stagione di arance, mandarini & co. Parliamo del mapo, un frutto ibrido che nasce dall’incrocio tra mandarino e pompelmo, il cui nome scientifico è Citrus x Tangelo, e difatti in diverse lingue è chiamato solo tangelo. Non tutti conoscono il mapo, e soprattutto non tutti lo amano, perché il suo sapore è davvero particolare, ovvero possiede l’asprezza amarognola del pompelmo biondo e le note più evocative del mandarino. 
La sua buccia è verde e molto sottile, la polpa gialla e uniforme, e, come tutti gli agrumi, è una grande fonte di vitamina C. Consumare mapo significa infatti fare incetta di antiossidanti che combattono i radicali liberi, aiutare l’organismo a difendersi dai malanni di stagione, a produrre il collagene per mantenere la pelle sana ed elastica, ad assimilare ferro (fra l’altro, il mapo stesso ne contiene oltre al magnesio); ad intensificare queste proprietà c’è un buon quantitativo di vitamina A e acido folico. 
Questo agrume viene utilizzato per realizzare liquori, specialmente attraverso l’infusione della buccia, mentre non è particolarmente utilizzato in cucina, anche se il suo sapore si presta molto bene ad accompagnare insalate invernali, a base di finocchio o di radicchio, oppure utilizzare il suo succo spremuto per deliziose vinaigrette. In Molise si realizza un dolce a base di liquore di mapo, una sorta di panettone inzuppato, chiamato mapopan.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie FoodTag