Pubblicato il

Il criterio per scegliere casa? Il bagno

Una ricerca sull’abitare evidenzia la priorità della stanza da bagno nel valutare una casa

Bagno lussuoso
istockphotos
Certamente la zona giorno è la più importante, la cucina indispensabile, lo spazio esterno invoglia, ma cosa fa pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra quando si sceglie una casa? Una ricerca condotta da GfK per Blue Responsability (network di aziende che propongono soluzioni sanitarie sostenibili) indica che la stanza da bagno ha un peso importantissimo al momento di acquistare o affittare un immobile.
L’inchiesta è stata condotta in Germania, ed evidenzia che ben il 95% degli intervistati afferma che il bagno è un criterio importante per scegliere casa. Molti tedeschi depennano immediatamente dalla lista delle opzioni una casa che non abbia un bagno all’altezza delle loro aspettative: per esempio, il 63% degli intervistati non prende in considerazione bagni ciechi, mentre per il 58% impianti, piastrelle e sanitari antiquati sono un grosso deterrente. Il bagno che vorrebbero le persone interpellate è innanzitutto grande, ma anche arioso, moderno, e ha una vasca da bagno e una doccia separata (e pensare che in Germani la misura media di un bagno è di 7,8 metri quadrati). 
Lo studio commissionato da Blue Responsibility dimostra che metà dei tedeschi (50,1%) scartano un’abitazione perché il bagno è troppo piccolo. Ma è l’assenza di una finestra al primo posto (62,5%) tra i deterrenti, seguita da impianti, piastrelle e sanitari antiquati (58,1%). L’assenza della vasca da bagno (31,1%) o della doccia separata (34,5%) invece fa scendere il valore della casa per circa un terzo degli intervistati, che in egual modo dichiarano di non gradire scalini e spigoli (33,8%). Poche prese elettriche sono un deterrente per il 19,3% degli intervistati. Soltanto il 4,6% dichiara di non considerare alcun criterio per quanto riguarda la stanza da bagno al momento dell’acquisto/affitto.
C’è anche una distinzione da fare tra chi vive in zone rurali e chi in città: nel primo caso disporre di luce naturale in bagno (e quindi di una finestra) è fondamentale, mentre nel secondo caso questa necessità è inferiore, mentre è più importante che l’impianto sia moderno e funzionale. Inoltre, differenze nelle risposte sono emerse a seconda dell’età, sesso e fasce di reddito. I più giovani e gli over 40 desiderano una finestra in bagno, le persone in età compresa tra queste due fasce guardano più alla modernità e l’impiantistica, gli over 55 prediligono bagni senza scalini e spigoli. Una doccia separata è importante per gli uomini (42,8%), mentre solo un quarto delle donne dicono di prestarci particolare attenzione. E’ stato inoltre rilevato che al salire del reddito aumentano anche i requisiti considerati fondamentali.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie CasaTag