Pubblicato il

Tutte le virtù della Vitamina K

Essenziale per il nostro organismo, questa vitamina sembra essere un vero e proprio elisir di lunga vita

Vitamine e alimentazione
istockphoto.com
In passato veniva chiamata con il nome inglese di “koagulation”, un chiaro riferimento alla coagulazione del sangue: senza la giusta quantità di vitamina K nel corpo, infatti, la coagulazione non può verificarsi. Tuttavia, nonostante la sua rilevanza nel corretto funzionamento del nostro organismo, questa vitamina è ancora poco conosciuta. È possibile assumerla sia in modo naturale, tramite l’alimentazione, che facendo uso di appositi integratori, ancora poco utilizzati. In natura è presente in una serie di verdure a foglia verde come cavoli, spinaci e broccoli, nella soia, nella carne e nei prodotti caseari. 
Ma non solo, oltre alle sue principali funzioni, vi sono altri vantaggi che possono derivare da un apporto corretto e costante di vitamina K. Innanzitutto previene in modo significativo l’osteoporosi: uno dei vantaggi più convincenti di un supplemento di questa vitamina, infatti, riguarda proprio la sua azione sulla struttura ossea. Inoltre, fornendo al corpo una regolazione adeguata della coagulazione del sangue, contribuisce a mantenere un cuore sano ed attivo, evitando così eventuali calcificazioni delle arterie. 
È anche importante per la salute del cervello: recenti studi a proposito hanno dimostrato che una minima e costante quantità di vitamina K nel corpo favorisce la sintesi corretta del cervello e dei grassi del sistema nervoso, proteggendo i nervi da eventuali danni. Ma non è tutto: questo prezioso elisir di lunga vita è in grado di regolare il livello degli zuccheri presenti nel sangue, andando così a giovare anche a coloro che soffrono di diabete o di patologie correlate. Infine, è opportuno specificare che la metà del fabbisogno giornaliero viene fornita dalla dieta e l’altra metà viene prodotta naturalmente dall’intestino. Al contrario, invece, dosi eccessive di vitamina K possono causare intossicazione, poiché i residui si possono ammassare nel sangue.