Pubblicato il

Prato, al Museo del tessuto un ricco programma di eventi

Tante le attività tra filosofia, moda, tecnologia ed arte in programma al Museo del Tessuto di Prato

Museo del Tessuto di Prato
©Museo del Tessuto

Prato è una città dedita alla produzione di tessuti sin dai tempi antichi. Tanto che, con il passare dei secoli, quella dei tessuti è diventata una delle principali risorse economiche della città e della sua provincia. Nell’Ottocento quello di Prato era considerato il complesso mono produttivo più efficiente d’Europa. Ed oggi qui viene prodotto tutto quello che si può tessere al telaio. Dai filati in lana cardata, pettinata e misti ai tessuti per abbigliamento in lana, cotone, lino, fibre artificiali e sintetiche per l’alta moda. Ma anche vari tipi di tessuto per l’industria dell’arredamento e delle calzature. E non può mancare, in questa realtà, il Museo del Tessuto. Che torna con un nuovo programma di attività per il periodo tra ottobre e gennaio.

Prato, le attività del Museo del Tessuto

Il museo collabora con diversi enti ed associazioni. E’ in programma nei sabati del 17 novembre e 7 gennaio un ciclo di visite guidate collegato alla mostra “Drappi d’oro e di seta. Tessuti per le corti europee del Rinascimento”. In questo contesto il pubblico viene condotto alla scoperta delle tracce lasciate dai Medici. “Del doman non c’è certezza” è il titolo del nuovo ciclo di incontri sui temi Amore, Cultura e Moda nelle corti del Rinascimento. Si inizia giovedì 25 ottobre con “La grande fiamma. L’amore al tempo delle corti”, in cui viene indagata la relazione tra Pietro Bembo e Lucrezia Borgia alla corte di Ferrara.

Cerchi idee originali? Scopri anche le collane in tessuto

Si prosegue giovedì 22 novembre con “Padrone del loro destino. Le donne e il mondo delle corti rinascimentali”. Si tratta di un conferenza sull’importanza che la figura femminile acquisisce nel mondo delle corti rinascimentali. Il ciclo di incontri si concluderà giovedì 24 gennaio con una serata interamente dedicata alle relazioni tra i sessi.

Spazio anche alle startup e alla musica

Rifò è una start up pratese che ha sviluppato una linea di abbigliamento sostenibile. Studiata per guidare il visitatore alla visione del documentario “The True Cost”. Il filmato è stato girato nel 2015 in seguito alla tragedia del Rana Plaza in Bangladesh, che nel 2003 provocò la morte di oltre mille persone. Tra queste figuravano molti lavoratori dell’industria dell’abbigliamento low cost. Venerdì 30 novembre il Museo dedica una serata a Iva Pacetti, la grande soprano pratese. L’occasione della serata evento è la recente acquisizione da parte del Museo di un corpus di abiti, gioielli e accessori di scena appartenuti alla Diva.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag