Pubblicato il

Camomilla, un tonico eccezionale

L’infuso di fiori di camomilla si rivela utile per la pelle nei mesi estivi

camomilla
istockphotos

Troppo caldo per pensare di bere una tazza di camomilla? Probabilmente sì, ma ci sono altri modi in cui impiegare l’infuso di questo profumatissimo fiore. Legati alla salute e alla bellezza di pelle e capelli. Questa pianta erbacea infatti ha un ottimo potere lenitivo, tonificante e decongestionante, che può tornare utilissimo nei mesi caldi. Ecco come utilizzarla.

Ultimo aggiornamento il 20 Luglio 2019 23:46

Camomilla per la pelle, come usarla

Preparate mezzo litro di camomilla, ben concentrata, rigorosamente non zuccherata. Lasciate che raffreddi, e quindi imbevete dell’ovatta, strizzatela leggermente, e utilizzatela per tonificare la pelle del viso, magari dopo una giornata di mare. L’infuso di camomilla rimuoverà gli ultimi residui di make-up o smog, aiuterà i pori a stringersi, lenirà la pelle da irritazioni. Se la mattina vi svegliate spesso con gli occhi gonfi, mettete lo stesso infuso in frigorifero. All’occorrenza fatene un impacco per le palpebre sempre imbevendo un dischetto di ovatta. Tenete in posa una decina di minuti e avrete un efficace effetto decongestionante.

Ancora, l’infuso di camomilla freddo si può impiegare per lavare i capelli. In questo caso ve ne servirà almeno 1 litro, da strofinare bene sul cuoio capelluto per nutrirlo e limitare l’insorgere della forfora. Inoltre, se avete chiome che nei mesi estivi schiariscono con il sole, potete evitare di risciacquare l’infuso di camomilla e lasciarlo sui capelli che asciugano. Aiuterà ulteriormente il processo di schiarimento e lascerà un ottimo profumo tra le chiome.

La pelle particolarmente irritata, magari dopo una ceretta, o dopo il contatto con acqua di mare o ricca di cloro può giovare dell’oleolito di camomilla. Per prepararlo mettete a macerare i capolini dei fiori secchi in olio di mandorle dolci (una proporzione 1 a 5 circa) dentro un contenitore di vetro. Lasciate al macero per una ventina di giorni, conservando il prodotto al fresco e al buio. Agitatelo ogni tanto. Filtrate l’olio e conservatelo in una bottiglia di vetro scura. Applicatelo quando la pelle si irrita, come prodotto lenitivo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag