Pubblicato il

Un trend emozionale, la ‘bella grafia’ torna in auge

Il digitale l’ha resa marginale, ma è proprio grazie al web che l’arte della calligrafia sta tornando di moda

la calligrafia
istockphotos

È un’abilità che l’era digitale sta rendendo sempre più marginale. Eppure scrivere a mano non solo è affascinante, perché carica di emozione ogni parola vergata sul foglio, ma fa anche bene. Sono infatti numerose le ricerche che riconoscono quanto scrivere a mano faccia bene alla memoria, alla concentrazione. Aiuta a pensare, a riflettere, e dunque ad esprimersi meglio. Fra l’altro, è anche specchio della personalità. Lungi dalla rapidità della digitazione su tastiera, da correzioni automatiche, dalla possibilità di fare e disfare in un solo click. Senza contare che si ricollega ad un tema che tocca corde estetiche. Del piacere della bellezza e dell’ordine. La calligrafia è una passione, oramai, più che un’esigenza. Che certamente in molti hanno perso con l’avvento del digitale, ma non tutti. Anzi.

La calligrafia nel mondo digitale

Le edizioni autunnali del Salone delle Idee Creative Abilmente sottolineano invece come la calligrafia stia vivendo un momento di riscoperta, anche grazie al digitale. “Ironia della sorte. Gli stessi mezzi che hanno contribuito a disabituarci a scrivere con carta e penna stanno trasformando discipline come la calligrafia e il lettering in veri e propri trend social. Contribuendo alla riscoperta da parte della bellezza – anche estetica – della scrittura a mano” commentano Serena e Andrea, creativi romani fondatori di Lavagnettiamo. Pensate al lettering, al doodling, ma anche al ritorno, anche grazie al web che adora tutto ciò che è vintage, di cucito creativo, cardmaking, ricamo, découpage, home decor, cake design, crafting di ogni genere. La calligrafia ritorna ad avere un importante ruolo in tutto ciò che è fatto a mano. E si diffonde grazie al web.

Sono poi molte le persone che, durante le vacanze, tornano ad imprimere su carta le proprie emozioni, pensieri, riflessioni. Diari di viaggio vergati a penna, per tornare a casa con un ricordo ‘tangibile’. E dalla forte componente emotiva. “Il diario di viaggio oggi fa di nuovo tendenza perché è un oggetto che trasforma in preziosi e tangibili ricordi le vacanze, le gite fuoriporta, e ogni occasione di aggregazione” commenta Chiara Cocco, artigiana e creativa de ‘La regaleria di Chi’. Più diventa impellente la necessità di ritagliarsi del tempo in cui ‘disconnettersi’ più il diario di viaggio torna in auge.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie Tempo liberoTag