Pubblicato il

Potere al pisolino sul lavoro: tutti i modi di sfruttare il ‘power nap’

Nessuno vi darà del nullafacente se dormite in ufficio. Ma poi come si va avanti? Qualcuno ha detto cuscini portatili?

Riposino sul lavoro
iStock
Non è più un’abitudine da fannulloni. Al contrario, il riposino sul lavoro serve a prendere la rincorsa prima di spiccare il volo del successo e della massima produttività. Sì, anche in ufficio. Perché il power nap, il sonnellino energizzante, da peccato mortale (‘ma come ti riposi sul lavoro?’) sta diventando un vero e proprio grimaldello per essere più efficienti.

Leggi anche: Grandi dormite nel weekend per dimagrire

Riposino sul lavoro: perché ora le aziende lo incoraggiano

Una riprogettazione del tempo che non proviene tanto dai lavoratori, maggiormente sensibili ai temi del riposo, ma dallo stesso management. Qui sta la rivoluzione. Come racconta il Wall Street Journal, il capo di Mitsubishi Estate Junichi Yoshida, le nap room nella sua azienda sono state realizzate per permettere ai dipendenti di riposare. A Tokyo la società immobiliare ha realizzato sei stanze dotate di lettini reclinabili e luci modulabili dedicate agli 850 lavoratori. Ma anche realtà come Google e la Nasa stanno introducendo politiche aziendali orientate all’oblio temporaneo.

Secondo uno studio della Sleep Foundation, organizzazione no-profit con sede a Washington dedicata all’educazione del sonno, il napping migliora le capacità cognitive. L’importante è non superare i 10 minuti. Già un lasso di tempo vicino alla mezz’ora può scatenare pigrizia e inerzia mentale.

Ne consegue che il napping sta letteralmente cambiando gli spazi di produzione. Persino l’aspetto della scrivania si evolve con accessori che consentono di riposare. Ci sono vari modi per farlo.

Dai pod al cuscino da polso

Riposino sul lavoro: energy pod
Riposino sul lavoro: MetroNaps
Dal design più complesso delle compagnie come MetroNaps e GoSleep Pod che progettano delle postazioni evolute per ospitare il sonnellino di lavoratori e viaggiatori, hanno clienti importanti come Virgin Active e Huffington Post Media Group, alla semplicità di cuscini e mascherine pensate per isolare al massimo.
Ultimo aggiornamento il 3 Dicembre 2019 16:42
Ultimo aggiornamento il 3 Dicembre 2019 16:42
Ostrich pillow è un’azienda che dal 2012 studia possibili soluzioni per la mancanza di sonno. Ha introdotto sul mercato l‘eye pillow, una fascia elastica che viene messa sul viso per creare subito oscurità. C’è poi il pocket pillow, un cuscino da polso sul quale ci si può appoggiare facilmente per chiudere gli occhi evitando graffi sul viso. Per chi invece avesse ancora più bisogno di isolarsi, abbiamo il cuscino ostrica, vero e proprio copricapo da scrivania.
Infine i più tradizionalisti possono sempre optare per una classica mascherina da notte oppure per un riposino condotto sulla durezza del legno del desk e senza protezioni. Certo sarebbe proprio riduttivo dopo tutte queste soluzioni fantasiose, ma ognuno ha i suoi gusti.
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie Tempo liberoTag