Pubblicato il

A Milano il summit mondiale dell’enologia al femminile

Dal Perù all’Australia: a Simei 2019 le rappresentanti dell’enologia per il primo Forum mondiale delle Donne del Vino

donne del vino
istockphotos

Sono enologhe, viticoltrici, imprenditrici, agronome, sommelier, enotecarie, esperte di marketing del settore. Le Donne del Vino, associazione italiana che ha messo il cappello su quel mondo in espansione che è la produzione e la commercializzazione vitivinicola al femminile, hanno chiamato a raccolta le loro colleghe di tutto il globo. E, nella cornice del Simei Milano 2019, daranno vita al primo Forum mondiale delle Donne del Vino. Un evento internazionale che, il 20 e 21 novembre, vedrà la partecipazione delle rappresentanti delle associazioni femminili del mondo dell’enologia.

Leggi anche: 10 accessori per esaltare l’esperienza del vino

Donne del Vino del Mondo, uniamoci!

Questo l’invito parte dalle Donne del Vino italiane. E la risposta è stata entusiasmante. Grazie all’Unione Italiana Vini e Simei a partire da mercoledì 20 novembre arriveranno enologhe e produttrici da Austria (11 Frauen und ihre weine). Argentina (AMUVA). Australia (Fabulous Wine Ladies Wine Society). Cile (MUV Chile). Croazia (WOW). Francia (Cerles des Femmes du Vin). Georgia (Baia’s Wine). Germania (Vinissima). Nuova Zelanda (Women in Wine). Perù (Las Damas del Pisco). Stati Uniti (Wonder Women of Wine).

Le Donne del Vino

Tiziana Mori, responsabile comunicazione esterna GIV Gruppo Italiano Vini e artefice del network internazionale delle Donne del vino, ha dichiarato “L’ambizione è di costituire un network basato sullo sharing, cioè lo scambio di esperienze, viaggi, know how, opportunità di formazione e di business, comunicazione”. Aggiunge Donatella Cinelli Colombini, presidente Le Donne del Vino “L’obiettivo è di accrescere le opportunità affinché il processo verso la parità fra le botti in termini di carriera, retribuzioni e riconoscimento sociale, avvenga più rapidamente possibile”. Talk, incontri, convegni daranno voce ad una realtà che sta trasformando l’industria vinicola. Ma è ancora soggetta (come del resto ogni altro settore lavorativo) ad un gender gap da non sottovalutare.

Ad arricchire il denso programma della convention, la sera del 20 novembre verrà premiato il Personaggio dell’anno delle Donne del Vino. Per questo riconoscimento è stata scelta Simonetta Doni, la ‘stilista del vino’. Ella ha infatti vestito alcune delle bottiglie italiane più famose nel mondo, dando vita a un autentico rinnovamento della comunicazione e del marketing del food & wine. Negli ultimi anni, la crescita delle donne nella produzione, commercializzazione e consumo del vino, ha cambiato anche il look delle produzioni enologiche e il disegno delle etichette.

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie Tempo liberoTag

Potrebbe interessarti