Pubblicato il

Bellezza settembrina, i trattamenti al vino

La vinoterapia prevede l’uso dei derivati dell’uva in trattamenti cosmetici e anti-stress. Abbiamo consultato due spa toscane che la propongono

calici di vino in una spa
istockphotos

Paesaggi iconici, scoperta di tradizioni che affondano le radici nella notte dei tempi, proposte enogastronomiche che allietano anche il palato più esigente: non c’è da stupirsi che il turismo enologico sia in costante espansione, sempre più apprezzato non solo dagli intenditori ma anche da coloro che vogliono fare esperienze autentiche, in modo slow, abbracciando quella che è la cultura del vino a 360°. A questo quadro si è aggiunto da qualche anno un tassello legato al benessere e alla bellezza, che si chiama vinoterapia. Si tratta dell’unione tra il mondo del wellness a quello dell’uva e i suoi derivati, perché dall’applicazione topica del vino si possono trarre benefici cosmetici noti sin dall’antichità. Per capire cos’è di preciso la vinoterapia e a quali trattamenti a base di vino ci si può sottoporre (e perché dovremmo farlo) abbiamo consultato due spa toscane che li propongono, il centro benessere di Borgo Casa del Vento, nel Chianti, e il centro wellness de Relais & Châteaux Il Falconiere, che si trova a Cortona.

Perché si impiega il vino in cosmesi?

Anna Maria Coli de Il Falconiere ci spiega che “Il vino apporta benefici alla pelle, che risiedono nel resveratrolo, una sostanza contenuta nella buccia dell’uva rossa. Questa sostanza si rivela preziosa in quanto è in grado di proteggere la pelle dall’invecchiamento precoce. Inoltre, il vino e la vite sono alleati preziosi nello smaltire le tossine che provocano la cellulite. Infine, nella buccia del vino sono presenti anche altre sostanze, come vitamine e minerali, dal potere antiossidante che favoriscono l’idratazione e l’esfoliazione della parte più esterna della pelle, donando un aspetto visibilmente più luminoso e rilassato”.

Borgo Casa al Vento “focalizza la propria ospitalità sulla cultura del vino ed i suoi molteplici usi e benefici… Nasce così l’idea del bagno nel vino e la collaborazione con Raffaella Prina, titolare di Rubinia, marchio che fornisce prodotti e consulenza per i servizi per la vinoterapia” ci spiega Francesco Gioffreda. Che prosegue: “La vite e l’uva racchiudono poteri eccezionali per la pelle. Rubinia e Borgo Casa al Vento hanno creato una linea di prodotti che ne sfruttano le proprietà, ricchissimi di tannini, antociani, flavonoidi, procianidine e resveratrolo, che sono in grado di neutralizzare i radicali liberi, che danneggiano le cellule e velocizzano il processo di invecchiamento. Gli antiossidanti inibiscono gli enzimi catalizzatori di reazioni ossidative”.

massaggio al vino

Vino, vinaccioli o mosto: quali parti della vite si impiegano?

Il Falconiere: “Tutti gli ingredienti elencati sono importantissimi, dipende molto dal trattamento e, ovviamente, dalla stagione. In tempo di vendemmia il bagno con le vinacce fresche è stupendo, lascia la pelle levigatissima. O l’impacco anti-age con miele e mosto, schiarente e liftante”.

Borgo Casa del Vento: “Tutte le ‘parti’ trovano utilizzo nella cosmesi. Estratto di acini d’uva, dal ricchissimo contenuto di zuccheri, sali minerali e vitamine, soprattutto quelle del gruppo A e C. L’olio di vinaccioli estratto dai semi ha proprietà antiossidanti, emollienti e rigeneranti sulle pelli anche mature, grazie all’alta concentrazione di acido linoleico, acido oleico e vitamina E. L’estratto di foglie di vite è ricco di importanti sostanze come tannini, antociani e flavonoidi, in grado di stimolare la circolazione oltre a possedere notevoli proprietà antiossidanti”.

Ultimo aggiornamento il 1 Settembre 2020 22:06
Quali trattamenti si possono fare con il vino?

Borgo Casa del Vento: “I trattamenti al vino trovano i loro natali in Francia, nella zona del Bordeaux, ma grazie alle fantastiche uve ed alla tradizione vinicola italiana sono diventati tra i più richiesti anche nel nostro Paese. Prevedono la miscelazione del vino con altre sostanze, come il succo di limone ed erbe aromatiche, in modo da sfruttare la fermentazione del vino e contrastare l’invecchiamento della pelle. Altri effetti benefici della vinoterapia sono la riduzione dello stress e la facilitazione del dimagrimento rimodellando e tonificando. Bagni nel vino, scrub, impacchi, maschere e massaggi sono tra i principali trattamenti”

Il Falconiere: “I trattamenti viso e corpo che possiamo fare con il vino sono molteplici. Dallo scrub ossigenante con le vinacce essiccate, al massaggio con olio di vinacciolo, ricchissimo di polifenoli, all’impacco drenate di vinacce e vite rossa, fantastico trattamento anticellulite. O ancora i bagni con concentrato di vino arricchito di oli essenziali specifici per personalizzare il trattamento”.

Olio di vinaccioli

Che tipo di vino utilizzate?

Borgo Casa del Vento: “Nella realizzazione della linea Il Nettare DiVino Rubinia utilizziamo esclusivamente Sangiovese prodotto a Borgo Casa al Vento”.

Il Falconiere: “Ovviamente il Syrah di Cortona! Il Syrah è uno dei vitigni più coltivati nel territorio della Cortona Doc, tanto che oggi l’80 per cento circa della produzione Doc fa proprio riferimento a questo vitigno che, dal nome, non sembrerebbe così autoctono”.

Trattamenti con il vino da fare a casa

Scrub total body. Unire il vino con zucchero di canna, miele e oli essenziale di limone. Massaggiato energicamente su tutto il corpo rinnova l’epidermide eliminando ispessimenti e le cellule morte.

Maschera anti-età viso. Aggiungere a 50ml di vino rosso un cucchiaio di argilla bianca, un cucchiaino di miele e qualche goccia di olio, meglio se di vinaccioli o di argan, quindi mescolare fino ad ottenere una crema densa e senza grumi da stendere sul viso, evitando il contorno occhi. Lasciare in posa per circa un quarto d’ora prima di risciacquare e applicare la crema.

Ultimo aggiornamento il 1 Settembre 2020 22:06

Sapone all’uva. Grattugiare 120 gr di sapone di Marsiglia con una grattugia a fori grandi e aggiungere 20ml di vino rosso. Mescolate tutto a bagnomaria finché il sapone non si sarà sciolto e aggiungete due cucchiaini di olio di oliva o di vinaccioli. Lasciate raffreddare il composto in piccoli stampini e dopo qualche ora il sapone è pronto. Utilizzatelo sulle parti critiche del corpo perché è molto efficace contro la ritenzione idrica.

(Consigli di Borgo Casa del Vento)

Wine Scrub. Tre cucchiai di vino Syrah, tre cucchiai di zucchero non raffinato, due cucchiai di miele, 6 gocce di oli essenziali di arancia amara o rosmarino (dipende se vogliamo un effetto più drenante o lipolitico). Miscelare tutti gli ingredienti e applicare il composto ottenuto sulla pelle inumidita. Dopo averlo massaggiato per qualche minuto con movimenti rotatori si può risciacquare. Combatte la pelle a buccia d’arancia e dona vitalità.

Ultimo aggiornamento il 1 Settembre 2020 22:06

Bagno divino rilassante. Aggiungere 4 bicchieri di vino rosso alla acqua del bagno, 4 cucchiai di miele e 2 cucchiai di bicarbonato.

Bagno divino tonificante. Utilizzare 4 bicchieri di vino rosso, 500 grammi di sale, 10 gocce di olio essenziale di rosmarino o limone.

(Consigli di Relais & Châteaux Il Falconiere)

Per sapere di più sulla vinoterapia, questo libro di Libro di Corinne Pezard e Mathilde Cathiard-Thomas è una piccola ‘Bibbia’ da leggere:

7,00€
14,00
disponibile
5 nuovo da 7,00€
1 usato da 10,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 1 Settembre 2020 22:06
Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie BeautyTag