Pubblicato il

40 anni con Capitan Harlock, 6 cose che non sapete

Nel novembre del 1979 terminò la messa in onda italiana del manga del maestro Matsumoto. Ma non andò bene

Capitan Harlock
Wikipedia

Capitan Harlock, il celebre pirata spaziale nato dalle penne del maestro Leiji Matsumoto, compie 40 anni. Il manga fu pubblicato in Giappone dal 1977 al 1979 dalla Akita Shoten. Poi diventò anime, diretto da Rintarō e prodotto dalla Toei Animation. Trasmesso in Giappone su TV Asahi dal 1978 al 1979. Mentre in Italia fu trasmesso la prima volta su Rai2, nel 1979, con le ultime puntate trasmesse proprio nel novembre dello stesso anno.

Sei curiosità, tra anime e manga

In Italia il manga arriva 16 anni dopo – L’edizione originale del manga venne pubblicata sul quindicinale Play Comic dalla Akita Shoten dal gennaio 1977 al gennaio 1979. In Italia arriva grazie alla Granata Press sul mensile Z Star, diviso in 15 volumi. Da febbraio 1993 a maggio 1994. L’opera venne ri-pubblicata in 5 volumi dalla Panini Comics, con l’etichetta Planet Manga, sul mensile Manga Storie. Da agosto a dicembre del 2001.

Accoglienza tiepida – La serie non fu accolta benissimo e soffrì della concorrenza del telefilm di Rai 1 Spazio 1999. Per chi non lo sapesse, è una nota serie tv britannica di fantascienza ideata nel 1973 da Gerry e Sylvia Anderson. Fu soltanto con la trasmissione delle repliche parziali negli spazi della tv dei ragazzi, qualche mese dopo, che il pirata iniziò ad acquisire quella fama che ancora oggi conosciamo.

Una sigla “da censurare”

Sigla e censura – Una delle canzoni più cantate e più vendute in assoluto: la sigla italiana di Capitan Harlock, scritta da Luigi Albertelli e con la musica di Vince Tempera, venne eseguita da La banda dei bucanieri e pubblicata dalla Fonit Cetra come 45 giri nel 1979. Ed entrò nella top five dei singoli.

All’inizio, però, la sigla venne censurata dalla Rai, che sostituì la frease “Il suo teschio è una bandiera che vuol dire libertà, vola all’arrembaggio però un cuore grande ha” con una ripetizione di “Nel suo occhio c’è l’azzurro, nel suo braccio acciaio c’è, nero è il suo mantello, mentre il cuore bianco è”.

Cosa lega Braccio di Ferro e Capitan Harlock? – La voce italiana del capitano è quella di Gianni Giuliano, 71 anni. Ha doppiato nella sua carriera, tra i tanti, attori del calibro di Jeremy Irons, James Woods, Elliott Gould, Michael Douglas e Matt Dillon. E noto anche per aver dato la voce anche a Telespalla Bob de I Simpson e a Braccio di Ferro.

Gli altri “Capitan Harlock”

Il papà “su carta” del pirata – Il padre del mito di Capitan Harlock è Galaxy Express 999, una serie manga e anime creata dallo stesso Matsumoto nel 1977 che si inserisce nello stesso universo personaggi come Capitan Harlock e Queen Emeraldas, nonché la nave di Star Blazers.

Per i Millenials – Ultimo di una lunga saga di lungometraggi e serie tv, magari per i Millenials, c’è anche un film d’animazione del 2013. Fu realizzato in computer grafica con la tecnica motion capture. E diretto da Shinji Aramaki e scritto da Harutoshi Fukui. In Italia è uscito nei cinema italiani il 1º gennaio 2014, distribuito da Lucky Red.

Su Consigli.it abbiamo raccolto sei curiosità anche Lady Oscar 
e su Dragon Ball

 

Capitan Harlock - La Serie Classica (7 Dvd)

49,90
30,08  disponibile
16 nuovo da 30,08€
1 usato da 52,97€
Spedizione gratuita
Acquista ora
Amazon.it
al 3 Dicembre 2019 21:20

Caratteristiche

Release Date2019-06-20T00:00:01Z
EditionCollector's Edition
LanguageItaliano
Publication Date2019-06-20T00:00:01Z
FormatEdizione del collezionista

 

Stile.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Stile.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.
Categorie Tempo liberoTag