Pubblicato il

Che lavoro fai? Ad ognuno il suo sport

Il tipo di attività fisica consigliata a seconda del tipo di professione

Yoga che lavoro fai
iStock

Che lavoro fai? No, non lo chiediamo perché ci piace farci gli affari degli altri. Conoscere il tipo di professione è invece importante per capire come modulare l’attività fisica sulla base dell’impiego occupato durante il giorno.

Che lavoro fai? Esempi di attività fisica

C’è infatti uno sport perfetto per ogni lavoratore. E ad ogni lavoratore spetta invece il proprio sport a seconda di quali muscoli usa durante il giorno e in relazione alle ore di sedentarietà.

Questo lo schema semplice di chi vuole allenarsi in proporzione e in conformità con il tipo di professione. Perché i mestieri cambiano e anche, di conseguenza, le esigenze sportive. Da chi è medico, a chi è banchiere, ognuno è alla ricerca di un allenamento ideale. Ecco quali sono i suggerimenti degli esperti a seconda del mestiere come riporta Le Figaro.

Postazione di lavoro
Postazione di lavoro

Il parere dell’esperta

Come spiega Carole Maestro, medico e ginecologo presso l’Istituto Nazionale di Sport, Competenza e prestazioni (INSEP ), si comincia dal capire le posture maggiormente utilizzate durante il giorno e poi si passa all’indicazione dello sport ideale.

Se il corpo è costantemente sotto pressione per esempio, si ci orienta verso alcune attività lente e rilassanti o verso attività che servono per eliminare la tensione. Sono infatti consigliati sport come Yoga, Tai Chi, il golf, Qi Gong, terapia di rilassamento.

Al contrario, Boxe, CrossFit, taekwondo, triathlon, squash, corsa, rugby femminile, pallamano, pallavolo sono sport di squadra o di contatto più adatti a chi occupa posizioni di responsabilità. “Gli sport di squadra possono essere molto interessanti per i profili di alta responsabilità. Essi consentono di lasciarsi andare e delegare imparando a contare sugli altri – spiega l’esperta-“.

Per chi lavora sempre in piedi come fanno insegnanti, venditori e infermiere la tipologia di attività fisica è un’altra. “Importante è qui aiutare a rilassare i muscoli degli arti inferiori e rafforzare addominali e schiena -dichiara ancora l’esperta”.

Altrove, per mestieri più specifici caratterizzati da un grande carico muscolare l’obbiettivo è quello di rafforzare il tronco e i muscoli della schiena. Come dovrebbe avvenire nel caso di infermieri, pediatri o caregiver. Qui il consiglio è di affidarsi a discipline come Pilates e Yoga.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag