Pubblicato il

Quanta acqua dobbiamo bere al giorno?

Nel corso degli anni, gli studi hanno fornito molteplici risposte al riguardo. Ecco come orientarsi

Ragazza beve acqua

Quanta acqua dobbiamo bere al giorno? Non tutti hanno bisogno della stessa quantità. Il fabbisogno di acqua dipende da molti fattori, quali stato di salute, attività fisica e luogo in cui viviamo. Sebbene non esista una formula universale, può essere utile avere informazioni sul fabbisogno idrico personale.

L’acqua è la componente principale del nostro corpo. Costituisce il 60% circa del peso corporeo. Ogni sistema presente nel nostro organismo dipende dall’acqua. Spazza via le tossine dagli organi vitali, apporta i nutrienti alle cellule. E mantiene il giusto livello di umidificazione dei tessuti di gola, naso e orecchie. La carenza di acqua comporta disidratazione. E anche una forma lieve di disidratazione può avere ripercussioni sul corpo, causando un calo di energia e stanchezza.

Di quanta acqua abbiamo bisogno?

Le perdite fisiologiche di acqua da parte dell’organismo sono dovute principalmente alla respirazione, alla perspirazione (sudorazione), all’emissione di urina e ai movimenti intestinali. Affinché il corpo funzioni correttamente, è necessario mantenere un corretto livello di idratazione consumando bevande o cibi che contengano acqua. I medici raccomandano 8 o 9 bicchieri al giorno. E secondo la “dieta dell’acqua”, i bicchieri vengono suddivisi a pasto. 2 prima di colazione, 2 prima di pranzo, 2 prima di cena. Uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Sempre a stomaco vuoto.

L’Istituto di Medicina statunitense consiglia per gli uomini un consumo giornaliero di liquidi pari a 3 litri (13 bicchieri circa), mentre per le donne di 2,2 litri (9 bicchieri circa).

Fattori che influenzano il fabbisogno di acqua

A seconda dell’attività fisica che praticate, del clima del luogo in cui vivete, del vostro stato di salute e se siete incinta o se state allattando, potreste avere la necessità di modificare l’apporto di liquidi di conseguenza. Se l’attività fisica che praticate comporta la presenza di sudorazione, dovrete bere quantitativi extra di acqua per compensare la perdita di liquidi.

Le alte temperature o il clima umido provocano sudorazione ed è quindi necessario assumere quantitativi extra di liquidi. In inverno, una temperatura eccessivamente elevata all’interno della casa può seccare la pelle diminuendone il normale ed adeguato livello di idratazione. Inoltre, altitudini superiori ai 2.500 metri possono causare un aumento della minzione (urinazione) e una respirazione maggiormente veloce, la quale attingerà alle riserve di liquidi.

Anche ciò che mangiamo ricopre un ruolo importante. Di media, il cibo apporta il 20% circa del quantitativo totale di acqua che introduciamo nel nostro organismo. Per esempio, molti frutti e vegetali sono costituiti per il 90% del loro peso da acqua, tipo i pomodori e il cocomero. Inoltre, bevande come il latte e il succo di frutta sono composte principalmente da acqua.

Anche la birra, il vino e le bevande contenenti caffeina (caffè e tè) possono contribuire allo scopo. L’acqua rimane sempre la migliore risorsa in quanto priva di calorie, economica e sempre disponibile. I consigli? Bere un bicchiere d’acqua ad ogni pasto e tra un pasto e l’altro. Idratarsi prima, durante e dopo l’attività fisica. Preferite l’acqua tonica alle bevande alcoliche.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag