Pubblicato il

Sudore: come controllare la traspirazione

Come mettersi al riparo dagli effetti collaterali del caldo? Scegliendo il deodorante giusto!

sudore
courtesy-of©VladimirFLoyd/iStock

Come ha detto Arthur Bloch, celebre umorista e scrittore statunitense, “Tutto suda”. Come dimenticare il caso di Manuel Valls? Nel 2015, al Congresso estivo del Partito socialista tenutosi a La Rochelle, il noto politico francese, grondante di sudore, è stato preso di mira dal web. La sua foto, infatti, è stata condivisa e commentata (nel bene o nel male) sui Social network.

Sudore, che incubo!

Sudare, quando si è in pubblico, mette in imbarazzo chiunque. Quell’alone che segna la camicia è decisamente antiestetico. I medici sono i primi ad aver appurato che il sudore è spesso causa di disagi. “Tra i miei pazienti sono sempre di più le persone che si dicono imbarazzate dal sudore” – ha detto a Madame Le Figaro il professor Laurent Miseria, dermatologo presso il CHU Brest.

Come riporta il sito del noto magazine francese, si fa eccezione per le occasioni in cui si ha a che fare con attività sportive o, al limite, un concerto. In questi casi non c’è niente di cui vergognarsi. Quelle goccioline che cadono dalla fronte, in maniera più o meno abbondante, sono da interpretare come segno di passione e impegno.

I fastidi della sudorazione

La sudorazione è un processo naturale che accomuna ogni essere umano. Uomini e donne, giovani e adulti. Ognuno vive però il disagio in maniera diversa. Come si dice, paese che vai, usanza che trovi. “In Francia, sono molto infastiditi dall’odore mentre, negli Stati Uniti e in Inghilterra, è la sensazione di umidità a causare fastidio“- ha detto Annabel Marito, Direttore Scientifico di Narta. Tutti però, a prescindere dalla nazionalità, sono alla ricerca di una soluzione efficace per far fronte al problema.

Antitraspiranti: a cosa servono?

Curiosando tra gli scaffali delle farmacie a spiccare sono gli antitraspiranti. Parliamo di prodotti che si differenziano dai classici deodoranti in quanto non si limitano a coprire gli odori. Vanno a rallentare o ridurre il flusso di sudore. Anche l’effetto antibatterico è più intenso.

Non c’è niente di sbagliato a usare questi prodotti in quanto rispondono al disagio e sono ben tollerati. Meglio evitare però l’uso quotidiano. La loro azione dura oltre le 24 ore. Non vanno dunque applicati ogni giorno. Tra una posa e l’altra consiglio una semplice pulizia con acqua e sapone. La sera è il momento migliore per applicare il deodorante in quanto le ghiandole sudoripare sono a riposo” – ha spiegato il dottor Isaac Bodokh, capo del dipartimento di dermatologia presso l’ospedale di Cannes.

Sali d’alluminio, sono davvero pericolosi?

Chi soffre di iperidrosi può ricorrere ai sali di alluminio (antitraspiranti molto efficaci) contenuti in prodotti come Etiaxil, PerspireX, Spirial Far etc. Come funzionano? Regolano la sudorazione e assorbono l’umidità. Ma non è tutto. Aiutano anche a contrastare la proliferazione dei batteri e gli sgradevoli odori che possono produrre.

Quando si parla di sali di alluminio si tocca un argomento molto delicato. In passato sono stati oggetto di molte discussioni. Come si legge sul sito dell’Airc (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), si è parlato di una possibile relazione con l’insorgenza del tumore al seno. In realtà nessuno studio ha dimostrato un nesso tra l’uso del deodorante e il rischio di ammalarsi.

Allo stato attuale non c’è alcuna prova scientifica del pericolo dettato dall’uso di sali di alluminio” – ha rivelato il Dr Bodokh. L’ANSM, ovvero l’agenzia nazionale sulla sicurezza dei Medicinali, raccomanda però di non utilizzarli se la pelle è danneggiata o depilata da poco.

Talco e perlite: addio cattivi odori

Non sono però gli unici a offrire sollievo. Talco e perlite, ad esempio, possono fare le veci dei classici sali di alluminio. “Sono degli antibatterici efficaci in quanto contengono ingredienti che assorbono le molecole responsabili del cattivo odore (acidi grassi volatili). Sono inoltre in grado di contrastare l’umidità grazie all’aiuto di sostanze ultra-assorbenti come il talco e la perlite” – ha detto Annabel Mari.

Come riporta il sito di Madame le Figaro, valide soluzioni sono il deodorante Micro Talco di Cadum, quello minerale di Vichy e il Roll-On Spirial di SVR etc.

Anche i Laboratori Manetti e Roberts hanno detto la loro con i nuovi deodoranti Borotalco Invisible (Invisible, Invisible Fresh e Invisible Milk). Grazie al microtalco contenuto sono in grado di assorbire il sudore. Una soluzione vincente per tutti coloro che vogliono sentirsi al sicuro senza dover fare i conti con gli effetti collaterali del caldo.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag