Pubblicato il

Come restare idratati al solleone

Bere è importante, ma senza esagerare. No agli alcolici, via libera alle acque aromatizzate. I consigli della Dott.ssa Kim Glass

corretta idratazione
Courtesy of©101PHOTO/iStock

L’estate è croce e delizia allo stesso tempo. Se da un lato l’arrivo della bella stagione strappa un sorriso in quanto è sinonimo di vacanze e mare, dall’altro spaventa per le roventi temperature, spesso penalizzanti. Quando il termometro supera i 35 gradi, ad aumentare sono anche i rischi connessi alla salute. Al fine di far fronte alla situazione, è di fondamentale importanza assumere comportamenti responsabili. In primis bisogna avere una corretta idratazione e alimentazione. Stando a quanto riporta il sito Atandard.co.uk sarebbe bene uscire di casa muniti di una bottiglia di acqua ricordandosi di ricaricarla ogni volta che finisce.

Bere sì, ma senza esagerare

Quanto bisognerebbe bere, ogni giorno, per rimanere idratati? “Di base dovremmo bere 1,5/2 litri di liquidi al giorno, il che si traduce in circa 8-10 bicchieri” – ha dichiarato la Dott.ssa Kim Glass del Bupa Health Clinics. Attenzione però a non esagerare. “Se vai in bagno molto spesso e la tua urina è molto chiara, probabilmente stai bevendo più del necessario”. In alcuni casi però la sola acqua potrebbe non essere sufficiente. “Se stai sudando molto e cominci ad avvisare segni di disidratazione allora potrebbe essere opportuno ricorrere a una bevanda energetica a basso contenuto di zucchero” – suggerisce l’esperta.

Acqua aromattizzata per una corretta idratazione

E’ possibile infatti trovare delle alternative alla sola acqua. Si può quindi optare per dell’acqua aromatizzata al limone, lime, arancia oppure al cetriolo o alla menta. Vanno bene anche i succhi di frutta, basta fare attenzione al contenuto di zuccheri. Meglio invece evitare gli alcolici, non fanno che disidratare.

Disidratazione? I sintomi

Attenzione ai segnali del corpo. “Se hai sete è probabile che il tuo corpo ti dica che hai bisogno di bere di più. Gli indicatori migliori sono il numero di volte che vai in bagno e il colore delle urine.” Altri segni di disidratazione includono mal di testa, secchezza delle fauci, labbra e/o occhi, crampi e sensazione di stanchezza, stordimento, vertigini e/o confusione.

In tali casi, al fine di riprendere le redini della situazioni è bene bere. Per una leggera disidratazione, è meglio fare dei piccoli sorsi d’acqua e spesso. Se la disidratazione causa diarrea o vomito, si andranno a perdere anche sali e zuccheri. Un buon modo per reintegrali è ricorrere a delle bustine. “Se hai però una disidratazione più grave, è bene chiedere un parere al proprio medico” – suggerisce l’esperta.

*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Stile.it su Twitter e su Facebook
Categorie BeautyTag